Ricardo Legorreta Vilchis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fontana di Pershing Square a Los Angeles
Il Fashion and Textile Museum di Bermondsey
Libreria pubblica di San Antonio
Max Palevsky Residential Commons di Chicago
Interno del Museo di arte contemporaneo di Monterrey

Ricardo Legorreta Vilchis (Città del Messico, 7 maggio 193130 dicembre 2011[1]) è stato un architetto messicano, insignito della medaglia d'oro dell'UIA nel 1999[2] e del Premio Imperiale nel 2011. È stato un designer prolifico di case private, edifici pubblici e piani generali in Messico, negli Stati Uniti e di alcuni altri paesi.[3]

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Ricardo Legorreta è nato il 7 maggio 1931, a Città del Messico. Studiò architettura all'Università nazionale autonoma del Messico, dove si laureò nel 1953. Dopo aver lavorato per cinque anni con José García Villagrán, fondò il proprio studio nel 1963.[3]

Espressione dell'architettura[modifica | modifica sorgente]

Legorreta portò le idee di Barragan in un regno più vasto. Barragan, nel 1940 e 1950 amalgamò la tradizione e il movimento moderno in architettura ma il suo lavoro fu in gran parte limitato ad una architettura domestica. Così, Legorreta decise di utilizzare elementi di architettura di Barragan nei suoi lavori, tra cui i colori brillanti, i giochi di luce e di ombre, e solide forme platoniche geometriche. Uno dei contributi più importanti di Legorreta fu l'uso di questi elementi in altri tipi di edifici come alberghi e fabbriche, nonché in edifici commerciali ed educativi.

Le sue opere più famose sono l'Hotel Camino Real, la fabbrica di IBM a Guadalajara e la cattedrale di Managua. Ora gode anche di una forte presenza al di fuori del Messico, in particolare nel sud-ovest degli Stati Uniti.

Opere[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ El Universal: Hijo de Legorreta afirma que murió tranquilo, 30 dicembre 2011 (Spagnolo)
  2. ^ "Ricardo Legorreta Vilchis 1999 UIA Gold Medalist" sul sito dell'agenzia
  3. ^ a b UIA: 1999 Gold Medalist Jury Citation, retrieved 31 December 2011

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Ulteriori letture[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 670785 LCCN: n82110611