Pentium D

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Logo del Pentium D
Pentium D
Central processing unit
Pentium d 820.jpg
Prodotto dal 2005 al 2008[1]
Produttore Intel
Frequenza CPU 2.66 GHz / 3.6 GHz
Frequenza FSB 533 MT/s / 800 MT/s
Processo
(l. canale MOSFET)
90 nm / 65 nm
Set di istruzioni MMX, SSE, SSE2, SSE3, x86-64
Microarchitettura NetBurst
Numero di core 2
Nome core
  • Smithfield
  • Presler
Socket LGA 775

Il Pentium D è stato il primo processore dual core prodotto da Intel ed era dedicato al settore Desktop. Nella sua prima versione era basato sul core Smithfield, che venne poi sostituito dalla propria evoluzione, Presler.

Il Pentium D inoltre, fu il primo processore che supportava il DCTP-IP, tecnologia necessaria al Digital rights management[2].

La sua caratteristica principale risiedeva appunto nel fatto di essere il primo processore dual core commercializzato da Intel, e il suo lancio venne seguito dopo solo pochi giorni da quello dell'Athlon 64 X2 prodotto da AMD. In realtà il Pentium D non fu il primo microprocessore dual core arrivato sul mercato: già IBM con i suoi PowerPC aveva raggiunto questo traguardo un paio di anni prima, e altri produttori avevano seguito la sua strada, ma l'avvento del Pentium D segnò comunque un'epoca, in quanto praticamente solo Intel e AMD si contendono la grossa fetta del mercato di massa dei microprocessori con architettura x86.

Motivi che hanno portato alla nascita del progetto[modifica | modifica wikitesto]

Al momento del lancio di tale CPU, erano ormai due anni che le frequenze dei processori erano praticamente ferme. Dopo anni in cui queste ultime erano cresciute vertiginosamente, con le presentazioni di nuovi modelli ogni circa 2 mesi con 200 MHz di salto, si era arrivati velocemente ai 3 GHz e sorsero i problemi. Il passaggio ai 90 nm non dette i risultati sperati, e l'avvento del core Prescott per i Pentium 4 fu molto travagliato e non privo di difficoltà e delusioni. AMD aveva abbandonato la "corsa ai GHz" già da diverso tempo e Intel si era trovata costretta a fare altrettanto, migliorando l'efficienza dell'architettura e sviluppando il calcolo parallelo. In fondo la strategia intrapresa si basava su una considerazione piuttosto semplice: se non si riesce ad aumentare la velocità con cui si esegue un'operazione, per aumentare le prestazioni bisogna aumentare il numero di operazioni che si possono compiere nell'unità di tempo, e il continuo affinamento dei processi costruttivi e la miniaturizzazione consentirono di imboccare questa nuova via. A questo proposito, nel 2007 arrivarono anche le architetture a 4 core e la tendenza nel tempo sarà quella di aumentarne sempre più il numero.

Il concorrente Athlon 64 X2[modifica | modifica wikitesto]

Anche AMD presentò i primi esemplari di processore dual core, ma a differenza di Intel riuscì a mantenere la stessa frequenza di clock delle controparti single core e quindi chi acquistava uno di questi processori non notava un calo di prestazioni con applicazioni non ottimizzate; inoltre il System Request Interface (SRI) utilizzato da AMD per far comunicare i 2 core aveva prestazioni nettamente superiori al bus di Intel. A questo si aggiunse anche il fatto che mentre per poter far funzionare un Pentium D era necessario l'acquisto di una nuova motherboard basata sui chipset i955X o i945P, per poter utilizzare un Athlon 64 X2 era sufficiente un aggiornamento del BIOS.

Intel però la spuntò sul fronte dei prezzi, che per i Pentium D si discostavano poco da quelli dei Pentium 4, mentre AMD scelse una strategia meno aggressiva continuando a proporre ai videogiocatori più incalliti, come modello di punta, ancora l'Athlon 64 FX single core ritenendo ancora prematuro l'ingresso dei dual core nel mondo gaming, visto che in quel momento i giochi non si avvantaggiavano di più di un core ma solo della frequenza operativa.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Athlon 64 X2.

Caratteristiche principali delle varie evoluzioni del Pentium D[modifica | modifica wikitesto]

Smithfield[modifica | modifica wikitesto]

Il primo Pentium D arrivato sul mercato era basato sul Smithfield, che fondamentalmente era formato da due core Pentium 4 Prescott integrati nello stesso package. Aveva una cache L2 di 2 MB equamente suddivisa tra i 2 core, e condivideva con l'ultima evoluzione di Prescott tutte le tecnologie accessorie, tra cui il processo costruttivo a 90 nm e le istruzioni SSE, SSE2, SSE3, EM64T, SpeedStep. Nella versione Pentium Extreme Edition veniva integrato anche il supporto Hyper-Threading.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Smithfield (informatica).

Presler[modifica | modifica wikitesto]

Il successore di Smithfield fu Presler, arrivato sul mercato nel gennaio 2006. Era costruito a 65 nm ed era il primo processore Intel dual core con i due core distinti sul package. Le frequenze erano leggermente più alte di Smithfield, dai 2,8 GHz ai 3,4 GHz inizialmente, ma successivamente ne venne presentata una versione a 3,6 GHz. Si trattava inoltre dell'ultimo processore Intel basato sull'architettura NetBurst del Pentium 4.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Presler.

Modelli arrivati sul mercato[modifica | modifica wikitesto]

La tabella seguente mostra tutti i modelli di Pentium D arrivati sul mercato. Molti di questi condividono caratteristiche comuni pur essendo basati su diversi core; per questo motivo, allo scopo di rendere maggiormente evidente tali affinità e "alleggerire" la visualizzazione alcune colonne mostrano un valore comune a più righe. Di seguito anche una legenda dei termini (alcuni abbreviati) usati per l'intestazione delle colonne:

  • Nome Commerciale: si intende il nome con cui è stato immesso in commercio quel particolare esemplare.
  • Data: si intende la data di immissione sul mercato di quel particolare esemplare.
  • N°C.: sta per "N°Core" e si intende il numero di core montati sul package: 1 se "single core" o 2 se "dual core".
  • Socket: lo zoccolo della scheda madre in cui viene inserito il processore. In questo caso il numero rappresenta oltre al nome anche il numero dei pin di contatto.
  • Clock: la frequenza di funzionamento del processore.
  • Molt.: sta per "Moltiplicatore" ovvero il fattore di moltiplicazione per il quale bisogna moltiplicare la frequenza di bus per ottenere la frequenza del processore.
  • Pr.Prod.: sta per "Processo produttivo" e indica tipicamente la dimensione dei gate dei transistor (180 nm, 130 nm, 90 nm) e il numero di transistor integrati nel processore espresso in milioni.
  • Voltag.: sta per "Voltaggio" e indica la tensione di alimentazione del processore.
  • Watt: si intende il consumo massimo di quel particolare esemplare.
  • Bus: frequenza del bus di sistema.
  • Cache: dimensione delle cache di 1º e 2º livello.
  • XD: sta per "XD-bit" e indica l'implementazione della tecnologia di sicurezza che evita l'esecuzione di codice malevolo sul computer.
  • 64: sta per "EM64T" e indica l'implementazione della tecnologia a 64 bit di Intel.
  • HT: sta per "Hyper-Threading" e indica l'implementazione della esclusiva tecnologia Intel che consente al sistema operativo di vedere 2 core logici.
  • ST: sta per "SpeedStep Tecnology" ovvero la tecnologia di risparmio energetico sviluppata da Intel e inserita negli ultimi Pentium 4 Prescott serie 6xx per contenere il consumo massimo.
  • VT: sta per "Vanderpool Tecnology", la tecnologia di virtualizzazione che rende possibile l'esecuzione simultanea di più sistemi operativi differenti contemporaneamente.
  • Core: si intende il nome in codice del progetto alla base di quel particolare esemplare.
Nome Commerciale Data Socket N°C. Clock Molt. Pr.Prod. Voltag. Watt Bus Cache XD 64 HT ST VT Core
Pentium D 820 28 maggio 2005 775 2 2,8 GHz 14x 90 nm
230 mil.
1,4 V 95 W 800
MHz
L1=2x16KB
L2=2x1MB
No No Smithfield
Pentium D 830 3,0 GHz 15x 130 W
Pentium D 840 3,2 GHz 16x
Pentium EE 840
Pentium D 805 27 luglio 2006 2,66 GHz 20x 95 W 533
MHz
No No
Pentium EE 955 27/dic/2005 3,46 GHz 13x 65 nm
376 mil.
1,27 V 130 W 1066
MHz
L1=2x16KB
L2=2x2MB
Presler
Pentium D 920 5 gennaio 2006 2,8 GHz 14x 95 W 800
Mhz
No Sì*
Pentium D 930 3,0 GHz 15x
Pentium D 940 3,2 GHz 16x 95 W
130 W
Pentium D 950 3,4 GHz 17x
Pentium EE 965 22 marzo 2006 3,73 GHz 14x 130 W 1066
MHz
No
Pentium D 960 2 maggio 2006 3,6 GHz 18x 95 W
130 W
800
MHz
No

* A causa di problemi nella produzione iniziale, le prime versioni di tali processori avevano la tecnologia SpeedStep disabilitata. Dal 7 aprile 2006 sono arrivate le versioni complete qui illustrate.

La fine del Pentium D[modifica | modifica wikitesto]

Intel nel primo trimestre del 2007 sospese la produzione dei modelli 950 e 960 del Pentium D, seguiti a ruota, il mese successivo dal 940 e dall'830. Il 915 terminò la sua vita ad aprile e, di lì a poche settimane, stessa sorte toccò all'840. Per quanto riguardava il modello 820 invece, il suo pensionamento avvenne a febbraio.

Il successore[modifica | modifica wikitesto]

A partire da luglio 2006, Intel rimpiazzò completamente tutta la sua offerta di processori per il settore desktop grazie ai nuovi Core 2 Duo Conroe, basati su una nuova architettura in grado fornire prestazioni decisamente più alte a fronte di consumi ridotti di circa il 50%.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Product Change Notification, 107779 - 00 (PDF), Intel, 2007.
  2. ^ In silenzio, arriva Palladium - Zeus News. URL consultato l'11 marzo 2013.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Elenco dei processori Intel
Famiglia 4 bit/8 bit: 4004 | 4040 | 8008 | 8080 | 8085     Famiglia 16 bit: 8086 | 8088 | 80186 | 80188 | 80286 Intel-logo.svg
Famiglia IA-32: 80386 | 80486 | RapidCAD | OverDrive
Gamma Pentium: Pentium | Pentium Pro | Pentium II | Celeron | Pentium III | Pentium III-M | Pentium 4 | Pentium 4-M | Mobile Pentium 4 | Pentium 4 EE | Celeron D | Pentium D | Pentium EE
Processori Mobile: Pentium M | Celeron M | Core Duo | Core Solo
Gamma Core: Core 2 Duo | Core 2 Quad | Core 2 Extreme
Gamma Nehalem: Core i3 | Core i5 | Core i7 | Core i7 Extreme
Processori per Server: Xeon

Famiglia IA-64: Itanium | Itanium 2
Non x86 compatibili: Intel iAPX 432 | Intel i860 | Intel i960

informatica Portale Informatica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di informatica