Intel 8088

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Intel 8088
Central processing unit
KL Intel TD8088.jpg
Un processore Intel 8088
Prodotto dal 1979 al 1991
Produttore Intel, AMD, NEC, Fujitsu, Harris (Intersil), OKI, Siemens AG, Texas Instruments, Mitsubishi.
Frequenza CPU MHz / 10 MHz
Set di istruzioni x86-16
Package 40 pin DIP, 44 pin PLCC

L'Intel 8088 è stato un microprocessore prodotto da Intel. Derivava dall'Intel 8086, con cui condivideva l'architettura interna a 16 bit ed il bus indirizzi a 20 bit, grazie al quale era in grado di indirizzare 1 MB di memoria, ma da cui si differenziava per il bus dati a soli 8 bit (la metà di quello dell'8086).

Il primo modello del processore era dotato di 29.000 transistor capaci di operare ad una frequenza massima di 5 MHz ed abbastanza piccoli da permettere la fabbricazione di un integrato compatto da usare in computer da ufficio o da casa[1]. L'Intel 8088 fu scelto dall'IBM per il suo primo PC, dove lavorava a 4,77 MHz.[2] Successivamente fu realizzato l'Intel 8088-2 capace di operare ad 8 MHz,[3] che fu utilizzato sui compatibili IBM dove la maggior velocità veniva selezionata tramite un pulsante denominato "Turbo".[4] Gli ultimi modelli denominati 8088-1 raggiungevano la velocità di 10 MHz.[2][5] Come l'8086, anche l'8088 supportava il coprocessore matematico Intel 8087.[2]

I pin del bus dell'8088 trasmettono, a seconda delle necessità del processore, dati per il bus degli indirizzi (piedini AD7-AD0 e A19-A8), per il bus dati di memoria e di I/O (piedini AD7-AD0). Per poter utilizzare il processore più semplicemente il bus viene in genere demultiplato, cioè vengono creati bus separati per la memoria, per l'I/O e per gli indirizzi. Per fare questo si utilizzano driver bidirezionali (o transceiver) per i bus di I/O e di memoria e latch-CD per il bus degli indirizzi. Questa soluzione generale viene naturalmente adattata alle condizioni particolari. Segnali aggiuntivi dell'8088 comunicano se il processore intende ricevere o trasmettere dati (segnale DT/R*), accedere alla memoria o all'I/O (segnale IO/M*) e così via, permettendo così la programmazione della circuiteria addizionale.

L'8088 era studiato per elaboratori a basso prezzo, che permettessero l'uso di un design a 8 bit. La coda di prefetch dell'8088 è di 4 byte, contro i 6 byte dell'8086. Le evoluzioni dell'8088 furono l'80188, l'80288 (obsoleto) e l'80388, che sono utilizzati ancora oggi. Nonostante l'introduzione di modelli successivi e di gran lunga più avanzati, l'8088 è uscito di produzione solo nel settembre del 2007[senza fonte]; non veniva più usato come processore per PC dal 1992, ma nell'industria aveva trovato altri interessanti impieghi.

Un processore sostitutivo e compatibile, il V20, fu prodotto dalla NEC riportando un aumento di prestazioni di circa il 20%.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ugo Tramballi, Il Sole 24 Ore, 10 giugno 2012, pag. 22.
  2. ^ a b c Dan Knight, The Intel 8086 and 8088, Low End PC Online Tech Journal, 09/2001. URL consultato il 02/04/2013.
  3. ^ Intel 8088-2 ad 8 MHz, Electronlibre. URL consultato il 02/04/2013.
  4. ^ Robert Barnes, Clone dell'IBM XT del 1984 con Intel 8088-2 a 8 MHz. URL consultato il 02/04/2013.
  5. ^ Intel 8088, Canoro. URL consultato il 02/04/2013.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Elenco dei processori Intel
Famiglia 4 bit/8 bit: 4004 | 4040 | 8008 | 8080 | 8085     Famiglia 16 bit: 8086 | 8088 | 80186 | 80188 | 80286 Intel-logo.svg
Famiglia IA-32: 80386 | 80486 | RapidCAD | OverDrive
Gamma Pentium: Pentium | Pentium Pro | Pentium II | Celeron | Pentium III | Pentium III-M | Pentium 4 | Pentium 4-M | Mobile Pentium 4 | Pentium 4 EE | Celeron D | Pentium D | Pentium EE
Processori Mobile: Pentium M | Celeron M | Core Duo | Core Solo | Core M
Gamma Core: Core 2 Duo | Core 2 Quad | Core 2 Extreme
Gamma Nehalem: Core i3 | Core i5 | Core i7 | Core i7 Extreme
Processori per Server: Xeon

Famiglia IA-64: Itanium | Itanium 2
Non x86 compatibili: Intel iAPX 432 | Intel i860 | Intel i960

informatica Portale Informatica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di informatica