Partito della Virtù

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Partito della Virtù
Fazilet Partisi
Leader İsmail Alptekin (1998-2001)
Stato Turchia Turchia
Fondazione 1998
Dissoluzione 2001
Ideologia Islamismo

Il Partito della Virtù (in turco Fazilet Partisi, abbreviato AKP) è stato partito islamista fondato nel dicembre 1998 in Turchia. Il partito fu dichiarato incostituzionale dalla Corte Costitutizionale turca e sciolto nel giugno 2001 sotto l'accusa di violare gli articoli della Costituzione che sanciscono la laicità dello stato.

In seguito allo scioglimento, i parlamentari del partito della Virtù hanno dato vita a due diversi partiti: il riformista Partito per la Giustizia e lo Sviluppo e il tradizionalista Partito della felicità.

I fondatori del Partito della Virtù erano stati il larga misura membri dei precedentemente disciolti Partito della Salvezza Nazionale (1972-1981) e Partito del Benessere (1983-1998).

Esponente del Partito della Virtù fu Merve Kavakçı, parlamentare donna espulsa per aver indossato il velo islamico nella Grande Assemblea Nazionale, il parlamento monocamerale turco.

Note[modifica | modifica wikitesto]


Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]