Paola Antonelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Paola Antonelli alla "Digital Life and Design Conference" a Monaco di Baviera nel 2008

Paola Antonelli (Sassari, 10 gennaio 1963[1][2]) è una designer e architetto italiana, inserita nella lista delle cento persone più potenti del mondo dell'arte dalla rivista Art Review[3]. È curatrice del Dipartimento di Architettura e Design del MoMa.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata a Sassari da genitori lombardi[4], laureata in Architettura al Politecnico di Milano nel 1990, Paola Antonelli ha curato numerose mostre di architettura e design in Italia, Francia e Giappone. Ha scritto per Domus (1987-91) e Abitare (1992-94). Nel 1994 è assunta dal MoMA di New York come Associate Curator, divenendo Curator nel 2000 e venendo infine nominata Senior Curator nel 2007, grazie al contribuito essenziale svolto per l'inserimento del design tra gli ambiti di ricerca del museo[5].

È la curatrice che per la prima volta ha inserito all'interno del dipartimento di design del MoMA una mostra permanente contenente una collezione di videogiochi, come dichiara nell'intervista fattale da A. Oteri ha deciso di portare i videogame nel museo come "grande forma di design".

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Intervista a Paola Antonelli (di Vittorio Zincone)
  2. ^ Registro nazionale dei professionisti iscritti agli Ordini degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori
  3. ^ Maureen Tuthill, Revealing the Human Spirit through Design (intervista a Paola Antonelli)
  4. ^ Paola Antonelli, lady design al Moma - Panorama
  5. ^ Paola Antonelli promoted to senior curator in MoMA’s Department of Architecture and Design

Controllo di autorità VIAF: 76424799 LCCN: no95056375 SBN: IT\ICCU\CFIV\080243