Nicolas Bouvier

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
1987

Nicolas Bouvier (Grand-Lancy, 6 marzo 1929Ginevra, 17 febbraio 1998) è stato uno scrittore, fotografo e iconografo svizzero.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Auguste Bouvier, bibliotecario a Ginevra, e di Antoinette Maurice, Nicolas Bouvier compie il suo primo viaggio solitario in Norvegia, a 17 anni. Presso l'Università di Ginevra segue corsi di storia medievale e sanscrito.

Nel 1948 il quotidiano La Tribune de Genève lo invia per un reportage in Finlandia. Nel 1950 viaggia nel Sahara algerino per conto di un altro giornale, Le Courrier.

Nel 1951 parte assieme agli amici Thierry Vernet e Jacques Choisy da Venezia e si reca fino a Istanbul. Nel 1953, si spingerà oltre: a bordo di una Topolino, in compagnia di Thierry Vernet, attraverserà la Jugoslavia, la Turchia, l'Iran e il Pakistan. Un anno e sei mesi dopo, i due amici si separano a Kabul, e Nicolas Bouvier continuerà solo il suo cammino attraverso l'India. Arriva a Ceylon dove, malato e depresso, resta durante sette mesi. Questo doloroso soggiorno sarà descritto in Le Poisson Scorpion (Il pesce scorpione), pubblicato solo molto più tardi (1982). Il viaggio invece è dettagliato nel libro L'Usage du monde (1963).
Nell'ottobre del 1955 si imbarca su una nave francese delle Messageries maritimes che lo condurrà in Giappone, dove resterà un anno, scrivendo articoli per giornali e riviste giapponesi. Tornerà via nave a Marsiglia alla fine del 1956.

Nel 1958 sposa Eliane Petitpierre, figlia del consigliere federale Max Petitpierre e nipote di Denis de Rougemont. Si installano a Cologny. Dal 1958 al 1963 (anno in cui muore suo padre), lavora come iconografo per l'OMS e la Nouvelle Bibliothèque Illustrée des Sciences et des Inventions delle Éditions Rencontre. Nel corso dei suoi lavori riunisce un ricchissimo archivio personale, in cui si trovano in particolare stampe popolari e incisioni tecniche. Dal 1964 al 1965 tornerà in Giappone in compagnia della moglie. Seguiranno altri viaggi in Asia (Giappone, Corea del Sud, Cina) e in Europa (Irlanda).

Nicolas Bouvier muore il 17 febbraio 1998. In suo onore esiste un collège nel quartiere "des Délices"

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • L'Usage du monde, Losanna: Payot, 1963 (La polvere del mondo, Reggio Emilia: Diabasis, 2004)
  • L'Atlas des Voyages: Japon |Japon, Losanna: Éditions Rencontre, 1967
  • Chronique japonaise, Losanna: Payot 1975 (Il suono di una mano sola. Cronache giapponesi, tr. di Paola Olivi e Beppe Sebaste, Reggio Emilia: Diabasis, 1999)
  • Vingt cinq ans ensemble, histoire de la télévision Suisse Romande, Ginevra: Éditions SSR, 1975
  • Le Poisson-scorpion, Parigi: Gallimard, 1982 (Il pesce scorpione, tr. di Beppe Sebaste, Milano: Marcos y Marcos, 1991; Roma: Laterza, 2006)
  • Les Boissonas, une dynastie de photographes, Losanna: Payot, 1983
  • Journal d'Aran et d'autres lieux, Losanna: Payot, 1990 (Diario delle Isole Aran: carte di viaggio, tr. di Barbara Anzivino, Reggio Emilia: Diabasis, 2006)
  • L'Art populaire en Suisse, Ginevra: Éditions Zoé, 1991 (L'arte popolare, tr. di Vera Segre Rutz, Disentis: Pro Helvetia, 1991)
  • Le Hibou et la baleine, Ginevra: Éditions Zoé, 1993
  • Les Chemins du Halla-San, Ginevra: Éditions Zoé, 1994
  • Comment va l'écriture ce matin?, Ginevra: Slatkine, 1996
  • Routes et déroutes, entretiens avec Irene Lichtenstein-Fall, Ginevra: Éditions Metropolis, 1997
  • La Chambre rouge et autres textes, Ginevra: Éditions Métropolis, 1998
  • Le dehors et le dedans, Ginevra: Éditions Zoé, 1998
  • Entre errance et éternité, Ginevra: Éditions Zoé, 1998
  • Une Orchidée qu'on appela vanille, Ginevra: Éditions Métropolis, Genève, 1998
  • La Guerre à huit ans, Ginevra: Éditions Mini Zoé, 1999
  • L'Échappée belle, éloge de quelques pérégrins, Ginevra: Éditions Métropolis, 2000
  • Histoires d'une image, Ginevra: Éditions Zoé, 2001
  • L'Oeil du voyageur, Éditions Hoëbeke, 2001
  • Le Japon de Nicolas Bouvier, Éditions Hoëbeke, 2002 (riedizione del volume pubblicato nel 1967 presso le Éditions Rencontre)
  • Le Vide et le Plein (Carnets du Japon, 1964-1970), Éditions Hoëbeke, 2004

Nel 2004 Gallimard ha pubblicato una raccolta delle opere, diretta da Éliane Bouvier. C

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 34453647 LCCN: n50045308

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie