Muscolo grande dorsale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Muscolo grande dorsale
Latissimus dorsi.PNG
Sistema Sistema muscolare
Inserzione labbro mediale del solco bicipitale dell'omero detto cresta della piccola tuberosità
Muscolo antagonista Muscolo deltoide, muscolo trapezio
Nervo nervo toracodorsale (C6 - C8)

Il muscolo grande dorsale (Musculus latissimus dorsi) con la sua forma triangolare è il muscolo più esteso del corpo umano. Per la sua funzione di adduzione dell'omero era detto dagli antichi anche "Musculus tersor seu scalptor ani". Sito nella zona lombare, ricopre la parte laterale e inferiore del dorso, formando la parete posteriore della cavità ascellare.

Origine[modifica | modifica sorgente]

Posizione del muscolo grande dorsale (in rosso). Animazione 3D.

Il muscolo è suddiviso in quattro parti:

  • vertebrale, compresa tra la fascia lombodorsale, che si inserisce a tutte le vertebre lombari e alla cresta sacrale media, e le ultime 6 vertebre toraciche
  • scapolare (incostante), origina dall'angolo inferiore del margine laterale della scapola.
  • iliaca, che origina dal terzo mediale del labbro esterno della cresta iliaca
  • costale, che origina dalle ultime quattro coste

Inserzione[modifica | modifica sorgente]

I fasci muscolari si dirigono lateralmente e si inseriscono sul labbro posteriore del solco intertubercolare (o solco bicipitale) dell'omero, dove si affiancano al muscolo grande rotondo.

Azione[modifica | modifica sorgente]

Interviene nel movimento di adduzione, estensione e rotazione interna dell'omero. Contraendosi, retropone la spalla e adduce la scapola.
Utilizzando l'omero come punto fisso, solleva il tronco ed innalza le costole (muscolo inspiratore). Ponendo il bacino come punto fisso, partecipa all'estensione del tratto dorso-lombare del rachide, specie a braccia in elevazione.

Innervazione[modifica | modifica sorgente]

È innervato dal nervo toraco-dorsale, ramo collaterale del tronco secondario posteriore del plesso brachiale (C6-C8).