Muscolo lunghissimo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il muscolo lunghissimo è un componente del muscolo erettore della colonna vertebrale, insieme ai muscoli ileocostale e spinale[1].

Anatomia[modifica | modifica sorgente]

Il muscolo lunghissimo può essere suddiviso in tre parti: lunghissimo del torace, del collo e della testa[1].

Il lunghissimo del torace origina dalla faccia dorsale dell'osso sacro, dal foglietto posteriore della fascia lombodorsale e dai processi spinosi delle ultime vertebre lombari e si inserisce con i fasci laterali sui processi costiformi delle vertebre lombari e su tutte le coste, ad eccezione della prima, mentre con i fasci mediali va invece ad inserirsi su tutti i processi trasversi delle vertebre toraciche e sui processi accessori delle vertebre lombari.

Il lunghissimo del collo origina dai processi trasversi delle prime sei[1] vertebre toraciche e si inserisce sui tubercoli posteriori dei processi trasversi delle vertebre cervicali C2, C3, C4, C5.

Il lunghissimo della testa origina dai processi trasversi delle prime vertebre toraciche e dai processi articolari delle ultime cinque cervicali e si inserisce sul processo mastoideo dell'osso temporale, sul cranio.

Innervazione[modifica | modifica sorgente]

Il muscolo lunghissimo viene innervato dai rami posteriori dei nervi spinali da C4 a L3 [1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d Anastasi, Capitani et all Trattato di Anatomia Umana, Edi-Ermes, 2012; pagine 152

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]