Musa al-Sadr

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Manifesto del gruppo Amal con l'immagine di Mūsā al-Ṣadr. La scritta in arabo significa "Guida (imam) della nazione e della resistenza".

Musa al-Sadr (in arabo: موسى الصدر, Mūsā al-Ṣadr, persiano: موسی صدر, Mūsā-é Ṣadr; Qom, 15 aprile 1928Tripoli, 28 agosto 1978[1]) è stato un religioso e politico libanese sciita.

Nato nel 1928, l'imam Mūsā al-Ṣadr è scomparso nel 1978 durante un viaggio in Libia. Da allora non si sono più avute sue notizie.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Mūsā al-Ṣadr nacque nella città di Qom, in Iran, il 15 aprile 1928 da una famiglia di esponenti religiosi sciiti provenienti dalla regione sciita del Jabal Āmil, nel sud del Libano. Suo padre era l'imam Ṣadr al-Dīn al-Ṣadr (in arabo: صدر الدين الصدر). Dopo essersi formato nello studio delle scienze religiose, al-Ṣadr si laureò in shari'a e scienze politiche presso l'Università di Teheran nel 1956.

Egli perfezionò successivamente la propria formazione religiosa a Qom sotto la guida dell'ayatollah Muḥsin al-Ḥakīm al-Ṭabāṭabā'ī (persiano: محسن الحكيم الطباطبا‎) e a Najaf in Iraq di Abū al-Qāsim al-Khuʾī (in arabo: أبو القاسم الخؤي), prima di insediarsi a Tiro, in Libano, nel 1960.
Fu il fondatore del movimento Amal, particolarmente attivo e seguito nel Sud del Libano, a forte maggioranza sciita.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Morte presunta

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 69730714 LCCN: n80025034

Islam Portale Islam: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Islam