Megalosaurus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Megalosaurus
Stato di conservazione: Fossile
Megalosaurus dinosaur.png
Ricostruzione di Megalosaurus
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Reptilia
Ordine Saurischia
Sottordine Theropoda
Infraordine Tetanurae
Famiglia Megalosauridae
Genere Megalosaurus
Nomenclatura binomiale
Megalosaurus bucklandii
Gideon Mantell, 1827
Specie
  • M. bucklandii
  • M. hesperis ?

Il Megalosaurus ("Grande Rettile" - Megalosaurus bucklandii MANTELL, 1827) è stato il primo dinosauro descritto scientificamente, da William Buckland, nel 1824. Lungo 7-9 m e dal peso di 900kg, il megalosauro era uno dei maggiori predatori del Giurassico medio, circa 167 milioni di anni fa. Le prime ricostruzioni lo mostravano simile a un gigantesco coccodrillo e solo in seguito, grazie alla scoperta di resti completi di altri dinosauri simili (come l'Allosauro), si è capito che questo carnivoro fosse un attivissimo bipede.

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

La testa aveva una struttura molto pesante ma robusta, poi seguita da collo muscoloso e da un corpo veramente tozzo. Gli arti superiori erano leggermente più corti degli arti inferiori, muniti di artigli e cinque dita, utilizzati per arpionare le prede. Cacciava sauropodi e ornitischi. Possedeva denti molto appuntiti, che verso il fondo si curvavano e si appiattivano.[1]

Corpo del megalosaurus

Fossili di dubbia identità[modifica | modifica sorgente]

Nonostante la sua larga fama, il megalosauro è conosciuto solo per pochi resti fossili, comprendenti ossa della mascella e della mandibola, denti, vertebre e ossa delle zampe, provenienti dall'Inghilterra e dalla Francia. Gran parte dei denti fossili ritrovati in tutti i piani geologici del mesozoico a tutte le latitudini e ascritti nel corso degli ultimi due secoli al genere Megalosaurus, in realtà non sono resti diagnosticabili e pertanto ricadono nel marasma dei nomina dubia. Oltre a ciò, moltissimi dinosauri carnivori ora ben noti sono stati inizialmente descritti come specie appartenenti al genere Megalosaurus. Si pensi solo a Carcharodontosaurus, Eustreptospondylus, Dilophosaurus e Proceratosaurus.

Un carnivoro primitivo[modifica | modifica sorgente]

Attualmente il megalosauro è ritenuto essere una forma piuttosto primitiva di quel gruppo di dinosauri carnivori, detti Tetanuri, tra i quali si trovano anche gli antenati degli uccelli. I suoi parenti più stretti sono il nordamericano Torvosaurus e gli strani Spinosauri, carnivori cretacei, cacciatori di pesce, muniti di una vela dorsale.

Galleria[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • William Buckland. "Notice on the Megalosaurus or great Fossil Lizard of Stonesfield." Transactions of the Geological Society of London, series 2, vol. 1 (1824), pages 390–396.
  • Gideon Mantell. Illustrations of the geology of Sussex: a general view of the geological relations of the southeastern part of England, with figures and descriptions of the fossils of Tilgate Forest. 1827.
  1. ^ I Dinosauri scoperte•specie•estinzione

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]