Mary Carr

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mary Carr in una foto pubblicitaria

Mary Carr (Germantown, 14 marzo 1874Woodland Hills, 24 giugno 1973) è stata un'attrice statunitense.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Mary Carr, nata Mary Kennevan, debuttò sulle scene nel 1890. Dopo aver sposato nel 1893 il noto attore teatrale e cinematografico William Carr (da cui ebbe ben cinque figli: Thomas Carr, Stephen Carr, Maybeth Carr, Rosemary Carr e John Carr, tutti attori), esordì sullo schermo nel 1916 in The City of Failing Light. Da allora rivestì quasi sempre ruoli di madri o di nonne.

Fra i numerosi film che interpretò nella sua lunghissima carriera vanno ricordati Mrs. Wiggs of the Cabbage Patch, (1919), Over the Hill to the Poorhouse, (1920), Il mago di Oz, (1925) e Via col vento, (1939). Conosciuta in tempi più recenti più che altro per aver affiancato Stan Laurel e Oliver Hardy nel cortometraggio, Andiamo a lavorare, (1931), di James W. Horne, dove interpretava l'anziana e gentile signora che offre loro del cibo, apparve inoltre ne Il compagno B (1932), di George Marshall. La sua ultima interpretazione è stata in Friendly Persuasion, (1956).

Le fu anche proposto in seguito di interpretare la parte di Maude, (poi assegnata a Ruth Gordon), nel capolavoro Harold e Maude, (1971), di Hal Ashby e quello di Julia Rainbird, (poi andato a Cathleen Nesbitt) in Complotto di famiglia, (1975), di Alfred Hitchcock, ma non se la sentì di tentare a quell'età un ritorno sulle scene.

Si spense all'età di 99 anni il 24 giugno 1973. Nella sua carriera apparve in oltre 140 film, passando senza alcun problema dal muto e sonoro, rimanendo sulla breccia dai primi anni del novecento sino all'inizio degli anni sessanta.

Ormai completamente dimenticata, Mary Carr fu uno dei più grandi volti del cinema muto statunitense. Come altre sue colleghe, interpretò numerosi film ormai persi negli archivi di Hollywood, ma merita di essere celebrata come sarebbe giusto perché, nel suo piccolo, ha contribuito ad alimentare una delle più grandi fabbriche di sogni mai esistite.

Per la sua grandezza ed importanza d'attrice, fu affettuosamente e nostalgicamente soprannominata in seguito "la mamma di tutti i film".

Filmografia parziale[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 49485888