Maria di Betania

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Santa Maria di Betania
Cristo nella casa di Marta e Maria, Jan Vermeer, prima del 1654-1655, olio su tela (National Gallery of Scotland, Edimburgo) - Maria è seduta ai piedi di Gesù
Cristo nella casa di Marta e Maria, Jan Vermeer, prima del 1654-1655, olio su tela (National Gallery of Scotland, Edimburgo) - Maria è seduta ai piedi di Gesù

Sorella di Lazzaro

Nascita I secolo circa
Morte I secolo circa
Venerato da Tutte le Chiese che ammettono il culto dei santi
Ricorrenza 29 luglio

Maria di Betania (lingua giudeo-aramaica: מרים, Maryām; lingua greca: Μαρία, Maria; lingua ebraica: מִרְיָם, Miryām, "bambina attesa", "amara" o "ribelle") è una donna, citata in due dei quattro vangeli canonici del Nuovo Testamento, che, assieme alla sorella Marta e al fratello Lazzaro, viveva nel villaggio di Betania, vicino a Gerusalemme.

È venerata come santa da tutte le confessioni cristiane che ne ammettono il culto.

Riferimenti biblici[modifica | modifica wikitesto]

Maria di Betania è citata in tre occasioni:

  • nel Vangelo secondo Luca 10,38-42, le due sorelle accolgono Gesù in casa, ma mentre Marta si occupa delle faccende domestiche, Maria si siede ad ascoltare la parola di Gesù. Marta se ne lamenta con Gesù, ma questi le risponde: «Marta, Marta, tu ti preoccupi e ti agiti per molte cose, ma una sola è la cosa di cui c'è bisogno. Maria si è scelta la parte migliore, che non le sarà tolta».
  • nel Vangelo secondo Giovanni 11,1-46, le due sorelle mandano a chiamare Gesù perché venga a guarire Lazzaro che si è ammalato, ma Gesù si attarda e quando giunge Lazzaro è già morto. Maria lo accoglie esclamando: «Signore, se tu fossi stato qui, mio fratello non sarebbe morto!». Gesù quindi si reca al sepolcro e risuscita Lazzaro.

A causa di quest'ultimo episodio, Maria è stata identificata da alcuni con l'anonima peccatrice che compie un gesto analogo nel Vangelo secondo Luca 7,36-50, Identificazione pressoché sicura, dato che entrambi gli episodi identici nei gesti avvennero in casa di una persona chiamata Simone e quindi con Maria Maddalena, citata subito dopo, però in questo caso l'identificazione è molto dubbia (Luca 8,1-3), la quale è stata a volte assimilata all'adultera menzionata nel Vangelo di Giovanni (8,3), secondo una lettura divenuta tradizionale ma frutto, in realtà, di un'interpretazione errata (vedi Identificazione di Maria Maddalena con la peccatrice penitente). [senza fonte]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]