Manic Miner

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Manic Miner
Mminer.png
Primo livello di gioco, Central Cavern.
Sviluppo Matthew Smith
Pubblicazione Bug-Byte, Software Projects
Ideazione Matthew Smith
Data di pubblicazione 1983
Genere Piattaforme
Modalità di gioco Singolo giocatore
Piattaforma ZX Spectrum, Telefono cellulare, Commodore 16, Commodore 64, Amstrad CPC, BBC Micro, Amiga, Game Boy Advance, MSX, SAM Coupé
Oric 1
Dragon 32/64
Supporto Cassetta, Floppy disk, Cartuccia
Periferiche di input Tastiera, Joystick

Manic Miner è un classico videogioco a piattaforme originariamente scritto per ZX Spectrum da Matthew Smith e pubblicato da Bug-Byte nel 1983 (più tardi riedito da Software Projects). Questo è il primo gioco della serie dedicata a Miner Willy (Willy il Minatore), composto da altri due titoli: Jet Set Willy e Jet Set Willy II.

Modalità di gioco[modifica | modifica sorgente]

In ciascuna delle venti caverne ci sono diverse chiavi lampeggianti, che devono essere raccolte prima che la riserva di ossigeno si esaurisca. Una volta raccolte le chiavi della singola caverna, si deve raggiungere la porta (nel frattempo divenuta lampeggiante), che porterà alla caverna successiva. Devono essere evitati nemici come ragni, sabbie mobili, macchine per l'estrazione mineraria e fiori velenosi: infatti se si viene toccati da uno di essi si perde una delle vite a disposizione e occorre cominciare da capo il livello; la stessa cosa succede se si cade da altezze troppo elevate.

Le caverne[modifica | modifica sorgente]

  1. Central Cavern
  2. The Cold Room
  3. The Menagerie
  4. Abandoned Uranium Workings
  5. Eugene's Lair
  6. Processing Plant
  7. The Vat
  8. Miner Willy meets the Kong Beast
  9. Wacky Amoebatrons
  10. The Endorian Forest
  11. Attack of the Mutant Telephones
  12. Return of the Alien Kong Beast
  13. Ore Refinery
  14. Skylab Landing Bay
  15. The Bank
  16. The Sixteenth Cavern
  17. The Warehouse
  18. Amoebatrons' Revenge
  19. Solar Power Generator
  20. The Final Barrier

Audio[modifica | modifica sorgente]

La musica che accompagna il gioco è una versione elettronica della composizione Nell'antro del re della montagna di Edvard Grieg, cioè una musica di scena creata per musicare la rappresentazione teatrale di Peer Gynt, un dramma composto dal norvegese Henrik Ibsen; quella della schermata del titolo è invece Sul bel Danubio Blu di Johann Strauß jr.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di videogiochi