Maciste nell'inferno di Gengis Khan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Maciste nell'inferno di Gengis Khan
Titolo originale Maciste nell'inferno di Gengis Khan
Lingua originale italiano
Paese di produzione Italia
Anno 1964
Durata 95 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere Avventura
Peplum
Regia Domenico Paolella
Soggetto Luciano Martino
Sceneggiatura Luciano Martino
Fotografia Raffaele Masciocchi
Montaggio Otello Colangeli
Musiche Giuseppe Piccillo
Carlo Savina
Scenografia Alfredo Montori
Interpreti e personaggi

Maciste nell'inferno di Gengis Khan è un film peplum del 1964 diretto da Domenico Paolella.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Maciste ritorna finalmente nella sua terra per riposarsi dopo le mille avventure vissute, ma appena giunto scopre che la sua fidanzata Arminia è stata rapita dai Mongoli. Maciste parte per cercarla, e durante la sua ricerca scopre che Arminia non è una fanciulla di origine popolane come egli credeva, bensì una principessa erede al trono della Polonia. Il re Vladimiro di Polonia persuade Maciste a rinunciare all'amore di Arminia ma gli chiede ugualmente di salvarla. Maciste parte in compagnia di una misteriosa donna di nome Arias, sospettata di stregoneria, raggiunge e si intrufola nella reggia di Gengis Khan. Kubilai, capo mongolo, tende a Maciste molte imboscate per cercare di ucciderlo; in una di queste perde la vita Arias. Alla fine con l'arrivo di Vladimiro e la vittoria in una grande battaglia i mongoli vengono sconfitti e la principessa viene salvata, ora Maciste però dovrebbe rinunciare al suo amore per lei, ma invece è lei che rinuncia al trono per poter continuare a stare con lui.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema