Lo spaventapasseri (film 1973)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lo spaventapasseri
Lospaventapasseri.JPG
Al Pacino e Gene Hackman in una scena del film
Titolo originale Scarecrow
Lingua originale inglese
Paese di produzione Stati Uniti d'America
Anno 1973
Durata 112 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 2.35 : 1
Genere drammatico
Regia Jerry Schatzberg
Sceneggiatura Garry Michael White
Produttore Robert M. Sherman
Casa di produzione Warner Bros.
Distribuzione (Italia) Warner Bros.
Fotografia Vilmos Zsigmond
Montaggio Evan Lottman
Craig McKay(montatore associato)
Effetti speciali Candy Flanagin
Musiche Fred Myrow
Scenografia Albert Brenner
Costumi Jo Ynocencio
Trucco Frank Griffin
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Lo spaventapasseri (Scarecrow) è un film drammatico del 1973 diretto da Jerry Schatzberg, con protagonisti Gene Hackman e Al Pacino. La pellicola è stata anche vincitore del Grand Prix per il miglior film al 26º Festival di Cannes.[1]

Trama[modifica | modifica sorgente]

Su una strada della California Max e Lion si incontrano casualmente mentre fanno l'autostop verso l'est degli Stati Uniti; sono due persone che hanno esperienze e caratteri molto differenti: il primo, di indole rude e litigiosa, è appena uscito dal carcere di San Quintino, dopo avere scontato una condanna a 6 anni, e deve raggiungere Pittsburgh dove intende aprire un autolavaggio, mentre il secondo, di carattere sempre allegro e noncurante, "come gli spaventapasseri che fanno ridere gli uccelli", è appena rientrato dopo essere stato imbarcato per 5 anni e deve raggiungere Detroit per vedere suo figlio.

Dopo avere accettato un passaggio iniziano il viaggio e, lungo la strada, decidono di aprire l'autolavaggio insieme, ma la strada e lunga e la prima sosta è a Denver, dove Max incontra una vecchia amica con cui ha una breve relazione e che gli chiede di non andarsene e di aprire l'autolavaggio lì, ma dopo una rissa in un bar, i due vengono condannati ad una pena di un mese e, durante la detenzione, Lion viene picchiato da un detenuto che cercava di violentarlo, venendo subito dopo "punito" da Max. Usciti di prigione, i due proseguono il viaggio.

Le vicende che si susseguono durante il viaggio e soprattutto la compagnia di Lion sembrano cambiare il carattere di Max, ma una volta arrivati a Detroit, Lion telefona alla ex-moglie e scopre che si è sposata da due anni, ma l'odio che lei ha covato negli anni dopo che lui si è imbarcato, pur continuando a mandarle periodicamente il denaro per il mantenimento, esplode ed alla richiesta di Lion di potere vedere il figlio almeno per un momento la donna risponde che è morto, anzi che non è mai nato poiché lo ha perso a seguito di una caduta.

Una volta uscito dalla cabina telefonica Lion non riferisce a Max quanto gli ha detto la donna, limitandosi a dire che non vuole recarsi a casa sua per non destabilizzare la nuova famiglia, e gli propone di festeggiare, ma mentre i due si trovano in un parco, Lion perde il controllo e, mentre gioca con alcuni bambini, entra dentro una fontana con uno di loro e Max, attirato dalle grida della madre, riprende il bambino cercando di fare uscire l'amico dall'acqua, ma egli viene preso dalle convulsioni e sviene.

Lion viene trasportato in ospedale, gli viene diagnosticata la schizofrenia e deve essere rinchiuso in un istituto psichiatrico, Max comincia a capire che qualcosa deve essere successo nella telefonata alla ex-moglie, ma nonostante egli cerchi di convincere il medico che intende occuparsi personalmente di lui, non può fare più nulla per l'amico, ma recatosi alla stazione per prendere il treno per Pittsburgh, compra un biglietto di andata e ritorno, con la probabile intenzione di tornare per non abbandonare Lion al suo destino.

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

Il film, distribuito dalla Warner Bros., è stato rilasciato nelle sale cinematografiche statunitensi a partire dall'11 aprile del 1973 solamente nella città di New York.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • Richard Hackman, Il fratello di Gene Hackman, interpreta il ruolo di Mickey.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Awards 1973, festival-cannes.fr. URL consultato il 18 giugno 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema