Lo spaventapassere

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lo spaventapassere
The sitter.JPG
Una scena del trailer
Titolo originale The Sitter
Lingua originale inglese
Paese di produzione USA
Anno 2011
Durata 81
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 1,85:1
Genere commedia
Regia David Gordon Green
Sceneggiatura Brian Gatewood, Alessandro Tanaka
Produttore Michael De Luca
Produttore esecutivo Josh Bratman, Jonah Hill, Donald J. Lee Jr., Lisa Muskat
Casa di produzione Michael De Luca Productions, Twentieth Century Fox
Distribuzione (Italia) Twentieth Century Fox
Fotografia Tim Orr
Montaggio Craig Alpert
Musiche Jeff McIlwain, David Wingo
Scenografia Richard A. Wright
Costumi Leah Katznelson
Interpreti e personaggi

Lo spaventapassere (The Sitter) è un film del 2011 diretto da David Gordon Green.

La pellicola, prodotta da Michael De Luca e dalla 20th Century Fox, vede Jonah Hill nei panni di uno studente che, sospeso dal college, si ritrova a fare il babysitter, lavoro per il quale risulta del tutto impreparato.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Noah Jaybird è uno studente universitario che è stato sospeso per un semestre e ora vive con sua madre separata. Per fare un favore a sua madre, a malincuore si trova costretto a fare da babysitter per una sera a tre bambini davvero particolari, figli della sig. ra Pedulla, che ha organizzato un appuntamento alla madre con un chirurgo. I bambini sono un nevrotico Slater, amante del trucco, Blithe e il piromane adottivo Rodrigo, che per la sua abitudine a fuggire aveva nella giacca una cimice per consentirgli di ritrovarlo.

Presto Noah è invitato a una festa per avere rapporti sessuali con la sua pseudo fidanzata Marisa, che fino a quel punto lo aveva usato solo per il sesso orale. Lei accetta di fare sesso con lui solo se gli porterà della droga al party dove si trova. Noah, tentato dall'offerta, ruba l’auto della signora Pedulla e porta i bambini con sé in città, dove incontra Karl, uno spacciatore al quale lo aveva indirizzato Marisa, nella sua palestra di bodybuilding. Karl nasconde la cocaina nelle uova di dinosauro. Dopo aver acquistato la droga, Noah torna indietro per raggiungere la sua fidanzata, realizzando però presto che Rodrigo mentre era andato in bagno, aveva rubato un uovo di Karl. Dopo una lotta per riprendere l’uovo tra Noah e Rodrigo, l'uovo scoppia sprecando tutta la cocaina all'interno. Karl scopre il furto e chiama Noah, dopo aver trovato il suo numero su Facebook, gli dice che deve consegnargli 10.000 dollari, ossia il valore della droga, oppure lo ucciderà. Noah, in preda al panico, decide di riportare i bambini ai loro genitori, in modo che possa risolvere i propri problemi, però Slater gli parla di un bat mitzvah, a cui è stato invitato in precedenza di una ragazza popolare e ricchissima che va a scuola con lui, dove potrà rubare i regali e ricavare i soldi che gli servono. Alla festa, Noah si imbatte in Roxanne una ragazza che conosceva prima che egli abbandonasse il college e si rende conto che a lei, lui piace, infatti durante le lezioni lei non aveva mai avuto il coraggio di parlargli. Lì Slater vede il suo amico Clayton (Alex Wolff), che gli dice di essere stufo di vedersi con lui a casa sua, a passare i pomeriggi a guardare il tennis e non andando da nessuna parte, e rimane molto male di vedere che ha un altro migliore amico.

Noah scopre che il parcheggiatore della festa ha perso la sua auto, che in realtà è stata rubata. Noah allora, si reca a casa di suo padre per chiedergli i soldi. Dopo che suo padre lo rimprovera e si rifiuta di dargli i soldi, Noah ruba l’auto di suo padre e si reca nel suo negozio di gioielli, dove suo padre ha cambiato i codici di sicurezza dal compleanno Noah a suo figlio fatto con la sua baby sitter di quando era piccolo, mostrando ulteriormente l'avversione per Noah. Egli prende quindi i diamanti di suo padre ma Rodrigo, affascinato dalle bombe, mette una bomba ciliegia nel bagno facendo saltare in aria il negozio. Noah, frustrato dalle buffonate di Rodrigo, lo sgrida. Credendo che nessuno in famiglia lo ami, Rodrigo getta le medicine di Slater fuori dal finestrino mentre l’auto è in corsa.

Slater ha un attacco di panico, durante il quale Noah gli dice che lui è un bambino normalissimo e non ha bisogno di quelle medicine, è semplicemente un omosessuale non dichiarato. In un primo momento è arrabbiato, ma Slater si calma e lo ammette. In quel momento Noah vede l’auto rubata e segue i ladri in un club dove scopre che una ragazza con cui andò a scuola e suoi amici gli avevano rubato la macchina. Durante una festa al college, lui ubriaco gli aveva vomitato accidentalmente nell’urna della nonna, e la ragazza era ancora adirata con lui. Noah cercando di fare appello alla sua natura gangster le permette di colpirlo conquistando il suo rispetto, e poiché gli ridanno indietro l’auto, lui affida la macchina che aveva rubato al padre a Roxanne, anche lei nel club. Egli accidentalmente passa col rosso mentre parla alla sua fidanzata sul cellulare e due poliziotti lo fermano e mentre lo perquisiscono trovano i diamanti e la cocaina, ma anziché arrestarlo come lui crede, gli rubano il bottino e scappano via. Dopo Rodrigo provoca Slater, e lui gli chiede perché sia così rude e Rodrigo gli spiega che la loro è già la terza famiglia che cambia in tre anni, perché prima o poi tutti si stufano di lui e lo rispediscono indietro. Alla festa Noah trova Marisa, quando compare Karl, Noah, Marisa e i bambini scappano via dalla finestra. Ma Karl li vede e durante l'inseguimento automobilistico Noah spiega a Karl che vuole essere suo amico e che farà in modo di trovare i soldi per ripagarlo della droga. Rodrigo genera un piccolo incendio nel furgone di Karl, che fa sbandare il suo socio in affari Julio che è alla guida. Quando Noah si imbatte in un vicolo cieco, Karl salvatosi dall’incidente, lo raggiunge con una pistola per ucciderlo ma, Blithe chiama il clan della ragazza che aveva in precedenza rubato la loro auto, in aiuto di Noah, loro arrivano e picchiano Karl permettendo a Noah di salvarsi e tornare a casa.

Marisa si rende conto lei è una ragazza terribile e che ha causato lei a Noah tutti i problemi di quella notte. Noah la perdona senza rancore. Finalmente riporta i bambini a casa prima che i loro genitori tornino, ripulendo la casa e l’auto. I bambini hanno tutti cambiato il loro atteggiamento nei confronti di Noah e iniziano ad ascoltarlo. Mentre il signor Pedulla lo paga per il lavoro svolto di baby-sitter, Noah gli dice che lui dovrebbe sentirsi un infame, poiché egli tradisce la moglie con la sua assistente Debra (informazione rivelatagli dalla piccola Blithe), poi gli dice la moglie è "l’arrosto" e Debra il “fumo” e dovrebbe concentrarsi sull’arrosto perché sua moglie è veramente bella. Roxanne lo aspetta fuori casa, trovata grazie al dispositivo di ritrovamento nella giacca di Rodrigo. Poi si avviano a piedi a casa sua, mano nella mano.

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Regia[modifica | modifica sorgente]

La 20th Century Fox mise in cantiere il film nel 2006, quando la propria filiale specializzata in commedie e film di genere, la Fox Atomic, assoldò il regista Jonathan Levine per dirigere la pellicola. Nel 2009 la Fox Atomic venne riassorbita negli assetti della casa madre e il progetto venne riazzerato. La Michael De Luca Productions venne coinvolta nella produzione e David Gordon Green venne nominato come regista.[1]

Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

Il primo trailer del film fu allegato alle copie americane di L'alba del pianeta delle scimmie e 30 Minutes or Less, per poi essere pubblicato su internet il 4 agosto 2011; il trailer è stato valutato R, principalmente a causa del linguaggio scurrile.

Il film è uscito nelle sale cinematografiche statunitensi il 9 dicembre 2011.[2], mentre in Italia è stato distribuito a partire dal 10 agosto 2012.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Rebecca Murray, Jonah Hill Stars in The Sitter in About.com, 24 febbraio 2010. URL consultato il 18 agosto 2011.
  2. ^ (EN) Red Band The Sitter Trailer Debuts in ComingSoon.com, 4 agosto 2011. URL consultato il 18 agosto 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema