Leo Fall

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Leo Fall

Leo Fall (Olomouc, 2 febbraio 1873Vienna, 16 settembre 1925) è stato un compositore austriaco di operette.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nato con il nome di Leopold Fall, ricevette i primi insegnamenti musicali dal padre Moritz (1848–1922), un direttore di banda e compositore che si trasferì a Berlino. Il giovane Fall studiò al Conservatorio di Vienna prima di tornare in famiglia a Berlino, città piena di vita musicale. A Vienna studiò con Robert Fuchs e Johann Nepomuk Fuchs. Nel 1895 iniziò la carriera di direttore d'orchestra nel teatro dell'operetta di Amburgo ed iniziò a comporre questo genere di spettacoli teatrali. Dal 1904 si dedicò completamente alla composizione di operette. Ebbe minor successo del suo connazionale contemporaneo Franz Lehár, egli fu tuttavia in grado di produrre opere melodiose e ben orchestrate. Dopo aver lavorato a Berlino, Amburgo e Colonia si stabilì a Vienna nel 1906, dove morì. La sua tomba si trova al cimitero Zentralfriedhof di Vienna.

Le sue operette più note sono, in lingua inglese, La principessa dei dollari e Madame Pompadour, che ebbero successo a Londra e New York e sono rimaste in repertorio in Germania e Austria per tutto il XX secolo. Der liebe Augustin (1912; col titolo di Princess Caprice a Londra) venne rappresentata 3.360 volte, un numero senza precedenti). Nel Teatro La Fenice di Venezia il 12 febbraio 1921 avviene la prima di La rosa di Stambul con Ines Lidelba Fronticelli ed Alfredo Orsini ed il 15 febbraio 1922 la prima di "Il caro Agostino" diretto da Michele Serpieri per la Grande Compagnia di Opere Comiche ed Operette.

La sua opera Der goldene Vogel, la cui prima venne data a Dresda nel 1920 con Richard Tauber e Elisabeth Rethberg ebbe meno successo.

Ammalatosi di cancro, muore nel sonno il 16 settembre 1925 all'età di 52 anni.[1]

Opere per il teatro[modifica | modifica sorgente]

Opere:

  • Paroli (1 act; 1902)
  • Irrlicht (1905)
  • Der goldene Vogel (1920)

Operette:

  • Der Rebell (Vienna, 1905)
  • Der fidele Bauer (Mannheim, 1907)
  • La principessa dei dollari (Die Dollarprinzessin) (Vienna, 1907; adattata in inglese col titolo The Dollar Princess 1909)
  • Die geschiedene Frau (Vienna, 1908; adattata in inglese col titolo The Girl in the Train 1910)
  • Der Schrei nach der Ohrgeige (Vienna, 1909)
  • Brüderlein fein (Vienna, 1909)
  • Das Puppenmädel (Vienna, 1910)
  • La bella Risette (Die schöne Risette) (Vienna, 1910)
  • La sirena (Die Sirene) (Vienna, 1911; adattata in inglese col titolo The Siren 1911)
  • The Eternal Waltz (Londra, 1911)
  • Il caro Agostino (Der liebe Augustin) (Berlino, 1912) (Princess Caprice) (rappresentata 3.360 volte)[2] libretto Rudolf Bernauer, Ernst Friedrich Wilhelm Welisch e Eugen Spero
  • Die Studentengräfin (Berlino, 1913)
  • Der Nachtschnellzug (Vienna, 1913)
  • Der Frau Ministerpräsident (Berlino, 1914)
  • Der künstliche Mensch (Berlino, 1915)
  • Die Kaiserin (Fürstenliebe) (Berlino, 1916)
  • Die Rose von Stambul o La Rosa di Stambul (Vienna, 1916)
  • L'usignuolo madrileno (Die spanische Nachtigall) (Berlino, 1920)
  • Der heilige Ambrosius (Berlino, 1921)
  • Die Strassensängerin (Vienna, 1922)
  • Madame Pompadour (Berlino, 1922)
  • Der süsse Kavalier (Berlino, 1923)
  • Jugend im Mai (Dresda,1926)

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Compositore (parziale)[modifica | modifica sorgente]

Attore[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ La morte di Leo Fall, La Stampa del 17 settembre 1925.
  2. ^ Broadway, Off Broadway, Londra, Toronto e altre città su www.world-theatres.com

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Andrew Lamb, Leo Fall in New Grove Dictionary of Opera, ed. Stanley Sadie (London, 1992) ISBN 0-333-73432-7
  • H. Hutten, Leo Fall, ein neuer Operettenkomponist, Musik für Alle (Berlin, 1908)
  • F. Lehár, L. Kartousch and H. Marischka: Zum Tode Leo Fall, Die Stunde (Vienna, 1925)
  • W. Zimmerli, Leo Fall und sein kompositorisches Werk, Schweizerische Musiker-Revue (1949)

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 49407851 LCCN: n84130992