La spia in nero (film 1939)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La spia in nero
Titolo originale The Spy in Black
Paese di produzione Gran Bretagna
Anno 1939
Durata 82 min
Colore B/N
Audio sonoro
Genere azione, sentimentale, thriller, guerra
Regia Michael Powell
Soggetto J. Storer Clouston
Sceneggiatura Emeric Pressburger e Roland Pertwee
Produttore Alexander Korda, Irving Asher
Fotografia Bernard Browne
Montaggio Hugh Stewart
Musiche Miklós Rózsa
Scenografia Frederick Pusey
Interpreti e personaggi

La spia in nero (The Spy in Black) è un film del 1939, diretto da Michael Powell.

Con questo film inizia la collaborazione di Michael Powell con il produttore, sceneggiatore e regista Emeric Pressburger[1].

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nel corso della Prima guerra mondiale il capitano Hardt, comandante di un sommergibile tedesco, viene incaricato di raggiungere un'isola delle Orcadi per contattare una spia, la quale si cela sotto l'identità di una maestra della scuola elementare. Loro compito è quello di ricevere i piani segreti della Marina militare britannica da un ufficiale traditore per trasmetterli agli U-boot tedeschi, che saranno così in grado di affondare quindici navi nemiche. Quando la missione sembrerà ormai giunta al termine, il capitano Hardt, nel tentativo di avvicinare la sua complice, ne scoprirà la vera identità.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1939 il National Board of Review of Motion Pictures l'ha inserito nella lista dei migliori dieci film dell'anno.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dizionario dei Film 1996, a cura di Paolo Mereghetti, Baldini & Castoldi, Milano, 1996; Il Morandini 2000 - Dizionario dei film, Zanichelli, Bologna, 1999.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema