L'uomo di Pietroburgo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'uomo di Pietroburgo
Titolo originale The Man from St. Petersburg
Autore Ken Follett
1ª ed. originale 1982
Genere romanzo
Sottogenere thriller
Lingua originale inglese
Ambientazione Inghilterra, 1914
Protagonisti Feliks Ksessinsky
Altri personaggi Lydia Walden
Charlotte Walden
Stephen Walden
Aleksej Orlov
Preceduto da Il codice Rebecca
Seguito da Sulle ali delle aquile

L'uomo di Pietroburgo (The Man from St. Petersburg) è un thriller del 1982 dello scrittore britannico Ken Follett, ambientato nella Londra del 1914, alla vigilia della prima guerra mondiale. In Italia è stato pubblicato dalla Mondadori nel 1984 con ristampe nel 2000 e nel 2004.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il romanzo è ambientato durante la vigilia del primo conflitto mondiale, con l'impero britannico alla disperata ricerca di alleati per contrastare l'assalto della Germania. Winston Churchill, giovane e caparbio primo lord dell'ammiragliato, si reca da lord Stephen Walden per cercare l'aiuto del giovane principe Aleksej Orlov, nipote di Walden e dello zar Nicola II, che sta giungendo nel Regno Unito per dei colloqui segreti con il governo inglese.
A Londra però sta per arrivare anche il pericoloso anarchico russo Feliks Ksessinsky, l'uomo senza paura venuto da Pietroburgo, che deve uccidere il principe Orlov e impedire lo scoppio della prima guerra mondiale. L'anarchico troverà l'aiuto inaspettato della giovane Charlotte Walden, che scoprirà essere sua figlia, ma dovrà scontrarsi con il capo della sezione speciale di Scotland Yard Basil Thomson.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Lo zar Nicola II e l'intera famiglia imperiale russa
Winston Churchill, primo lord dell'ammiragliato inglese

Personaggi principali[modifica | modifica wikitesto]

  • Aleksej Andreevic Orlov, principe trentenne, ammiraglio della marina russa; è il nipote di Lydia (figlio della sorella maggiore) e nipote dello zar di Russia, Nicola II (fratello di suo padre deceduto).
  • Charlotte Walden, figlia diciottenne di Lydia e Stephen Walden.
  • Feliks Davidovic Ksessinsky, terrorista anarchico, figlio di un prete di campagna nella provincia di Tambov; il suo percorso lo porta a Pietroburgo, in Siberia, a Ginevra e in Inghilterra.
  • Lydia Walden, moglie di Stephen Walden; è russa, figlia del conte Shatov, ama suonare il pianoforte, ultima di quattro figli (due maschi e due femmine).
  • Stephen Walden, suo padre ere il settimo conte di Walden, alla sua morte gli è succeduto.

Personaggi secondari[modifica | modifica wikitesto]

  • Arthur Langley, capo della polizia della contea di Walden Hall, compagno di scuola di Stephen Walden.
  • Basil Thomson, poliziotto esperto dell’ambiente criminale-anarchico dell’East End di Londra al vertice della Sezione Speciale, unità della polizia politica di Scotland Yard.
  • Belinda Walden, figlia di George e cugina di Charlotte, sua coetanea.
  • Bourdon (madame), sarta personale di Lydia.
  • Bridget Callahan, settantenne, affitta una camera a Feliks Ksessinsky.
  • Clarissa Walden, seconda moglie di George.
  • Dmitri, fratello di Lydia.
  • George Walden, fratello minore di Stephen Walden.
  • Hans, anarchico, fa l'orologiaio in Inghilterra.
  • Jonathan, fratello minore di Clarissa.
  • Kiril, cugino trentenne di Lydia, lavora per il ministro degli esteri è vedovo.
  • Maks, fratello di Lydia.
  • Nathan Sabelinsky, anarchico ventenne, slavo, giocatore d’azzardo, vive in Inghilterra.
  • Pritchard, maggiordomo di Stephen Walden, londinese.
  • Ulrich, tipografo anarchico, intellettuale, amico di Feliks Ksessinsky.
  • William, cocchiere dei Walden.
  • Yevno, anarchico, studente di filosofia.

Personaggi storici

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura