Kaledon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Kaledon
Paese d'origine Italia Italia
Genere Heavy metal
Power metal
Symphonic metal
Periodo di attività 1998 – in attività
Etichetta Hellion Records
Universal Metal Production
Hot Rockin
Scarlet Records (2010 - presente)
Album pubblicati 9
Studio 7
Live 1
Raccolte 1
Sito web

I Kaledon sono un gruppo musicale power metal italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Gli esordi[modifica | modifica wikitesto]

Nascono alla fine del 1998 su iniziativa del chitarrista Alex Mele che, finita l’attività con i River of Change, contatta il bassista Paolo Lezziroli e il chitarrista ritmico Tommy Nemesio. Poco tempo dopo entrano in contatto con il batterista Daniele Staccini e con il cantante Alessandro Penta. La band comincia a proporre un heavy metal classico stile Iron Maiden e Judas Priest. Dopo poche settimane Alessandro Penta abbandona la band per problemi legati al suo lavoro e viene sostituito con Roberta Della Casa, che viene impegnata in alcuni concerti nei locali della capitale. Terminati gli impegni dal vivo, la band trova il proprio cantante nella persona di Anthony Drago.

Nell’estate del 1999 la band sostituisce Daniele Staccini con Dario Sacco per problemi di tecnica. Durante l'anno i Kaledon si esibiscono in locali di Roma facendosi conoscere nei vari settori dell’underground romano. Il gruppo cambia decisamente direzione stilistica, ispirandosi al classico power metal di stampo tedesco. Il chitarrista Alex Mele scrive un concept-story: Legend of the Forgotten Reign. Nel sito web dei Kaledon, nella sezione "Story" è possibile conoscere la storia di questa saga, in inglese, mentre nel "Forum" è presente la traduzione in italiano. Questa storia è suddivisa in sei capitoli, che vengono narrati appunto da sei album. Nell'autunno dello stesso anno viene pubblicato, senza un tastierista, il primo demo Spirit of the Dragon I.

Successivamente, Fabio Bernardi, il tastierista dei River of Change, si unisce al gruppo come ospite per sei mesi partecipando alla realizzazione di due nuovi Demo: Spirit of the Dragon II, in pratica il primo demo con l'aggiunta delle tastiere, e God Says Yes I. Il 16 giugno del 2000 suonano di spalla a Ronnie James Dio al Foro Italico di Roma. Successivamente, la band sostituisce, per problemi personali, il batterista Dario Sacco con David Folchitto già negli Stormlord (e di altre band underground della capitale) e Anthony Drago con Claudio Conti.

Con la nuova formazione viene registrato il terzo demo God Says Yes II, anche questo una riedizione del precedente "God Says Yes I", con la partecipazione però del nuovo cantante. Terminata la collaborazione con Fabio Bernardi, la band trova in Daniele Fuligni (ex membro dei Ghost Rider), il nuovo tastierista. Nel mese di novembre del 2001 firmano un contratto discografico per l'italiana SteelBorn Records, divisione della Northwind Records.

Tra novembre e marzo del 2002 viene registrato il loro album di esordio (il primo capitolo della saga) Legend of the Forgotten Reign - Chapter I: The Destruction che viene poi pubblicato nel mese di ottobre, e subito dopo partecipano al tributo ai Manowar con il brano Courage. Intanto Alex Mele inizia anche a scrivere il suo libro Legend of the Forgotten Reign.

Subito dopo l'uscita del loro primo capitolo, iniziano a lavorare per il secondo album. Nel mese di aprile del 2003 entrano in studio per le nuove registrazioni e nel mese di luglio dello stesso anno pubblicano il loro secondo capitolo Legend of the Forgotten Reign - Chapter II: The King's Rescue. Nel frattempo si occupano di un tributo agli Stratovarius con il brano Father Time.

Dopo un cambio di manager, nella prima metà del 2004 il gruppo lavora per il terzo capitolo, ma David Folchitto decide di lasciare la band per dedicare più tempo ad altri progetti e Alex Mele trova il suo sostituto in Jörg Michael, membro degli Stratovarius. Con questa formazione in luglio il gruppo parte per gli studi Mirage di Como per le registrazioni delle parti di batteria, mentre il resto viene registrato tra ottobre e dicembre dello stesso anno nel The Outer Sound Studios di Roma di Giuseppe Orlando. Durante la lavorazione di questo album, che si intitolerà Legend of the Forgotten Reign - Chapter III: The Way of the Light fa il suo rientro David Folchitto.

Subito dopo, anche questa volta senza pausa, iniziano a lavorare per il capitolo successivo, ma la sua pubblicazione viene ritardata a causa della separazione dalla SteelBorn Records perché ritenuta dal gruppo incapace di seguire il loro cammino. I Kaledon si affidano quindi alla tedesca Hellion Records, che lavora per il gruppo in tutta Europa; si affidano però anche all'americana Universal Metal Production, che dà alla band la possibilità di pubblicare le sue opere in America.

Così nel mese di dicembre del 2006, in Europa, viene pubblicato il quarto album Legend of the Forgotten Reign - Chapter IV: Twilight of the Gods. La distribuzione nel continente asiatico del nuovo operato, in una versione speciale, da aprile dell'anno successivo viene affidata alla compagnia giapponese Hot Rockin. Il 13 luglio del 2007 partecipano alla decima edizione dell'Headbangers Open Air, mentre l'11 agosto partecipano alla tredicesima edizione dell'Agglutination Festival con i Gamma Ray. Nel mese di ottobre del 2007 la band ufficializza l'uscita dal gruppo di Claudio Conti per diversi problemi caratteriali con il resto dei membri. I Kaledon annunciano l'inizio delle audizioni per il nuovo cantante e dopo un mese Marco Palazzi diventa nuovo membro.

I Kaledon registrano agli The Outer Sound Studios con Giuseppe Orlando il quinto capitolo Legend of the Forgotten Reign - Chapter V: A New Era Begins e nel 2008 l'album viene pubblicato. Nel 2009 viene pubblicato il primo album dal vivo del gruppo, celebrativo del decimo anniversario dalla fondazione della band. Al concerto hanno partecipato tutti i vecchi membri dei Kaledon eccetto Claudio Conti. La parte audio di questo live è stata pubblicata come bonus cd dell'edizione giapponese di Chapter 6, mentre la parte video non ha mai visto la luce.

Eventi recenti[modifica | modifica wikitesto]

A marzo 2010 la band firma con Scarlet Records. Il nuovo album è stato descritto come un ritorno della band alle sonorità power degli inizi: potente, melodico ed estremamente accattivante[1].

La band annuncia che il mix del nuovo album, Chapter 6: The Last Night On the Battlefield, è stato ultimato negli Outer Sound Studios di Giuseppe Orlando, batterista dei Novembre. La band sta dando gli ultimi ritocchi estetici, e sta lavorando ai consueti effetti sonori che, come in tutti i precedenti album, saranno presenti tra un brano e l'altro. Il disco esce per Scarlet Records il 27 luglio 2010.

Il 26 giugno 2010 la band partecipa al Gods of metal, tenutosi al Parco della Certosa a Collegno (TO). Nella stessa giornata si sono esibiti: Lordi, Amon Amarth, Raven, Exodus, Behemoth, e altri gruppi. Nel Dicembre dello stesso anno, i Kaledon sono in Tour in Germania e Austria per dieci date con i finlandesi Lordi.

Nel Settembre 2011, David Folchitto, dopo aver ri-registrato alcune vecchie canzoni per il Best of, intitolato "Mightiest Hits", lascia la band, per incompatibilità di progetti futuri, individuali e collettivi. Lo split è stato del tutto consensuale e non ha portato strascichi negativi.

David Folchitto viene sostituito da Luca Marini che, con i Kaledon, fa un tour di supporto ai Rhapsody of Fire nell'aprile del 2012, e registra l'album "Altor: The King's Blacksmith". La collaborazione con Marini finisce subito dopo la registrazione della batteria per il nuovo disco. Il nuovo batterista è Massimiliano Santori, giovane batterista romano.

Nel Maggio 2013 i Kaledon partono in Tour nel Regno Unito, Irlanda e Scozia, come special Guest dei finlandesi Lordi, riscuotendo le attenzioni della Booking Agency EMA (Extreme Music Agency), la stessa Booking che cura gli interessi dei Lordi in UK ed Irlanda. Vengono messi sotto contratto dalla EMA, e nel Novembre 2013, ripartono per un tour da Headliner nel Regno Unito e Irlanda.

Nel frattempo il tastierista Daniele Fuligni lascia la band e viene sostitutito da Paolo Campitelli.

Formazione attuale[modifica | modifica wikitesto]

Ex componenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Alessandro Penta - voce (1998 - 1999)
  • Roberta Della Casa - voce (1999) live session
  • Anthony Drago - voce (1999 - 2001)
  • Claudio Conti - voce (2001 - 2007)
  • Fabio Bernardi - tastiere (2000 - 2001)
  • Daniele Fuligni - tastiere (2001 - 2013)
  • Jorg Michael - batteria (2004)
  • Dario Sacco - batteria (1999 - 2001)
  • Fabrizio Lucidi - batteria (2000) session
  • Daniele Staccini - batteria (1998 - 1999)
  • David Folchitto - batteria (2000 - 2011)
  • Luca Marini - batteria (2012)

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album studio[modifica | modifica wikitesto]

Live[modifica | modifica wikitesto]

Demo[modifica | modifica wikitesto]

  • 1999 - Spirit of the Dragon I
  • 1999 - Spirit of the Dragon II
  • 2000 - God Says Yes I
  • 2001 - God Says Yes II

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ II Kaledon approdano su Scarlet, Metal.it, 23-04-2010. URL consultato l'11-04-2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Metal Portale Metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Metal