James FitzJames, II duca di Berwick

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Heraldic Crown of Spanish Grandee.svg
James FitzJames, II duca di Berwick
James FitzJames Stuart, II Duca di Berwick, nelle vesti cerimoniali di Cavaliere dell'Ordine del Toson d'Oro
James FitzJames Stuart, II Duca di Berwick, nelle vesti cerimoniali di Cavaliere dell'Ordine del Toson d'Oro
Duca di Berwick[1]
Stemma
In carica 1734 –
1738
Predecessore James FitzJames, I duca di Berwick
Successore James FitzJames, III duca di Berwick
Altri titoli Duca di Liria e di Xérica
Grande di Spagna di I classe
Conte di Tinmouth
Barone Bosworth
Nascita Saint Germain en Laye, Francia, 21 ottobre 1696
Morte Napoli, Regno di Napoli, 2 giugno 1738
Dinastia FitzJames
Padre James FitzJames, I duca di Berwick
Madre Honora Burke
Consorte Catalina Ventura de Portugal-Colombo, IX duchessa di Veragua y de La Vega
Religione cattolicesimo

James Francis (Diego Francisco) Fitz-James Stuart, II Duca di Berwick (Saint-Germain-en-Laye, 21 ottobre 1696Napoli, 2 giugno 1738), è stato un militare e ambasciatore spagnolo.

Ereditò i propri titoli dalla sua discendenza giacobita alla morte del padre in battaglia nel 1734 durante l'assedio di Philippsburg, durante la guerra di Successione polacca. Fu anche Duca-Consorte di Veragua e de la Vega e Marchese-Consorte di quattro importanti titoli per matrimonio dal 1716. La sua titolatura completa era quella di II Duca di Berwick, II Conte di Tinmouth, II Barone Bosworth, II Duca di Liria e Xerica, Grande di Spagna di I Classe (dal 1716), Cavaliere dell'Ordine del Toson d'Oro (dal 29 settembre 1714).

Biografia[modifica | modifica sorgente]

La famiglia[modifica | modifica sorgente]

Sua madre era Lady Honora Burke (1675 - 1698), seconda figlia dell'irlandese William Burke, VII conte di Clanricarde, (d. 1687) (Honora era un nome comune nelle famiglie Burke e Walshingam). Il suo primo matrimonio fu con il II conte di Lucan, figlio del giacobita irlandese Patrick Sarsfield (c 1650 - 1693). Dopo aver dato con questi alla luce un figlio, il marito morì ed Honora si risposò con James FitzJames, I duca di Berwick il 26 marzo 1695 nella Cappella Reale di Saint-Germain-en-Laye, in Francia. Sfortunatamente ella morì a Pezenas, in Linguadoca, nella Francia del Sud il 16 gennaio 1698 quando suo figlio aveva meno di 18 mesi. Il I duca di Berwick era il figlio illegittimo di re Giacomo II d'Inghilterra e di Arabella Churchill, sorella di John Churchill, I duca di Marlborough, la quale era stata l'amante del monarca per lungo tempo. Il padre del piccolo James successivamente si risposò.

James Fitz-James Stuart, II duca di Berwick, in un ritratto di Hyacinthe Rigaud

La carriera[modifica | modifica sorgente]

L'anglo-franco-spagnolo James Fitz-James Stuart entrò al servizio di Filippo V di Spagna ed Elisabetta Farnese combattendo battaglie terrestri e navali tra il 1717 ed il 1719 al fine di togliere Napoli agli austriaci e la Sicilia ai Savoia per riportare entrambi i regni sotto lo scettro spagnolo. Fu nominato colonnello nel reggimento irlandese spagnolo e poi luogotenente generale, per essere promosso a maresciallo di campo già dal 1724.

Fu inoltre ambasciatore spagnolo presso l'Russia dal dicembre 1726 al 1730, durante il regno di Pietro II, venendo nominato cavaliere dell'Ordine di Sant'Andrea (28 marzo 1728) e dell'Ordine di Sant'Alexander Nevsky. Tra il personale diplomatico a Mosca vi era anche il suo connazionale irlandese Richard Wall (16941778), che divenne poi primo ministro di Spagna. Come appartenente alla famiglia Stuart, Berwick venne inoltre insignito dell'Ordine della Giarrettiera (3 aprile 1727). Dal 1730 al 1733 fu ambasciatore a Vienna e dal 1734 – dopo la conquista borbonica delle Due Sicilie, a cui partecipò in qualità di tenente generale – svolse il medesimo ruolo presso il Regno di Napoli, dove divenne molto influente, fino alla sua morte nel 1738. Malato di tisi, trascorse gli ultimi mesi di vita in isolamento. Il filosofo Giambattista Vico ne compose l'elegia funebre[2].

Scrisse un libro di memorie sulla campagna del 1734-1735 e gli anni trascorsi a Mosca, intitolato Conquista de Nápoles y Sicilia y Relación de Moscovia, pubblicato nel 1890 dallo storico spagnolo Antonio Paz y Meliá[3].

Matrimonio e figli[modifica | modifica sorgente]

Il 31 dicembre 1716, il II duca di Berwick divenne secondo marito della vedova Catalina Ventura Colón de Portugal y Ayala-Toledo, IV duchessa di Veragua (14 luglio 1690 - 3 ottobre 1739). Ella era la figlia orfana di Pedro Manuel Colon de Portugal y de la Cueva, (25 dicembre 1651 - 9 settembre 1710), nonché sorella Pedro Nuño Colón de Portugal y Ayala-Toledo, (17 ottobre 1676 - 4 luglio 1733), VIII duca di Veragua e Marchese di Giamaica. Nel 1733 ella ereditò il titolo del fratello dal momento che anche tutti gli eredi del fratello gli erano premorti e pertanto il duca di Berwick divenne anche consorte di tali titoli. Ad ogni modo questo non mancò di sollevare delle contestazioni nella corte spagnola in quanto altre importanti famiglie si contendevano questi titoli, incluso il ducato "de la Vega de Santo Domingo", passato ai Colón de Larreategui nel 1787.

Il loro terzo figlio e primo sopravvissuto fu James FitzJames, III duca di Berwick (28 dicembre 1718 - 30 settembre 1785), che nel 1726 sposerà Maria Teresa De Silva y Haro.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere dell'Ordine del Toson d'Oro (ramo spagnolo) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine del Toson d'Oro (ramo spagnolo)
Cavaliere dell'Ordine della Giarrettiera (casa Stuart) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine della Giarrettiera (casa Stuart)
Cavaliere dell'Ordine di Sant'Andrea (Impero russo) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine di Sant'Andrea (Impero russo)
Cavaliere dell'Ordine Imperiale di Sant'Alexander Nevsky (Impero russo) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine Imperiale di Sant'Alexander Nevsky (Impero russo)
Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila Bianca (Polonia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dell'Aquila Bianca (Polonia)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Riconoscimento da parte della corona spagnola
  2. ^ Gian Galeazzo Visconti, Opere di Giambattista Vico. Le iscrizioni e le composizioni latine, Napoli, Guida Editori, 2004, p. 72 e ss.
  3. ^ Conquista de Nápoles y Sicilia y Relación de Moscovia, Madrid, 1890.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • A. PAZ y MELIÁ. "Conquista de Nápoles y Sicilia y relación de Moscovia, por el Duque de Berwick. Precede una noticia de la vida y escritos del autor por A. Paz y Meliá". 468 pages, Madrid (1890). Imprenta y Fundición de M.Tello. Impresor de Cámara de S. M.
  • Duque de LIRIA y JÉRICA, "Diario de Viaje a Moscovia", edit. by A.L. ENCINAS, I. ARRANZ, M. RODTRIGUEZ, ISBN: 978-84-7813-324-4, Ed. MIRAGUANO, April 2008.
  • http://indigo.ie/~wildgees/honora3.htm
  • http://www.tcd.ie/CISS/mmspain.php.
  • Research Group on Irish and Spanish Military Migration to Spain by Professor Ciaran Brady, Dr. Declan Downey and Dr. Oscar Morales e-mail at tcd (Trinity College Dublin, Ireland). February 2008.
Predecessore Duca titolare di Berwick Successore Flag of England.svg
James FitzJames, I duca di Berwick 1734-1738 James FitzJames, III duca di Berwick
Predecessore Duca di Berwick Successore Bandera de España 1701-1760.svg
James FitzJames, I duca di Berwick 1734-1738 James FitzJames, III duca di Berwick
Predecessore Duca di Liria e Jérica Successore Bandera de España 1701-1760.svg
James FitzJames, I duca di Berwick 1734-1738 James FitzJames, III duca di Berwick