Arabella Churchill

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Arabella Churchill

Arabella Churchill (23 febbraio 1648Londra, 30 maggio 1730) fu una delle amanti di Giacomo II d'Inghilterra, e madre di quattro suoi figli, il cui cognome fu FitzJames Stuart, cioè "Figli di James Stuart".

Vita[modifica | modifica wikitesto]

Sir Winston Churchill

Arabella era figlia di Sir Winston Churchill (antenato omonimo del famoso primo ministro) ed Elizabeth Drake. Suo fratello fu John Churchill, I duca di Marlborough. La lealtà dei Churchill verso la casa reale era ardente; e la loro unica sensibilità circa la seduzione di Arabella su Re Giacomo II sembrò essere una piacevole sorpresa che una così semplice ragazza avesse ottenuto un così alto favore.[1]

Cominciò la sua relazione con Giacomo, allora Duca di York, intorno al 1665, quando eglie era ancora sposato con Anne Hyde. Arabella diventò dama di compagnia della duchessa in quell'anno, e partorì due figli quando Anne era ancora in vita. Arabella Churchill venne descritta come "una creatura alta, pallida, e nient'altro che pelle e ossa." Dotata di uno spirito semplice ed un'intelligenza vivace, trascorse con Giacomo dieci anni, dandogli quattro figli.[2] Qualche tempo dopo, sposò Charles Godfrey ed ebbe altri tre figli. Vissero insieme felicemente per 40 anni.[3] Godfrey morì nel 1714, all'età di 67 anni.[4]

Figli[modifica | modifica wikitesto]

Figli avuti da Giacomo II[modifica | modifica wikitesto]

Attraverso i suoi figli Henrietta, Contessa di Newcastle e James, Duca di Berwick, è un'antenata dei Conti Spencer e di Diana, Principessa di Galles nonché dei Duchi di Berwick, i successivi Duchi d'Alba e di Cayetana Fitz-James Stuart, XVIII Duchessa d'Alba, la persona con più titoli nobiliari al mondo.

Figli avuti da Charles Godfrey[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Baron Thomas Babington Macaulay Macaulay, The history of England, from the accession of James II, Volume 1, 1898, p. 347.
  2. ^ Eleanor Herman, Sex with Kings: 500 Years of Adultery, Power, Rivalry, and Revenge, Enchanting Ugliness, William Morrow, 2005, p. 52, ISBN 0-06-058543-9.
  3. ^ Eleanor Herman, Sex with Kings: 500 Years of Adultery, Power, Rivalry, and Revenge, The Business of Life, William Morrow, 2005, p. 219, ISBN 0-06-058543-9.
  4. ^ Allan Fea, James II. and his wives, University of California Libraries, 1908, p. 303.
  5. ^ Eleanor Herman, Sex with Kings: 500 Years of Adultery, Power, Rivalry, and Revenge, Pushed into War, Sold into Marriage, William Morrow, 2005, p. 190, ISBN 0-06-058543-9.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]