Il vizietto II

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il vizietto II
Titolo originale La cage aux folles II
Paese di produzione Italia, Francia
Anno 1980
Durata 101 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere commedia
Regia Edouard Molinaro
Soggetto Jean Poiret
Sceneggiatura Francis Veber, Marcello Danon e Jean Poiret
Fotografia Armando Nannuzzi
Montaggio Monique Isnardon e Robert Isnardon
Musiche Ennio Morricone
Scenografia Luigi Scaccianoce
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Il vizietto II è un film del 1980, diretto da Edouard Molinaro.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Albin, meglio noto sotto il nome di Zazà, l'illustre drag queen del cabaret "La cage aux folles" in Costa azzurra, vuole dimostrare al suo amante Renato di essere ancora sexy. Nel maldestro tentativo di sedurre un uomo per ingelosire Renato, si trova suo malgrado coinvolto nell'omicidio di un altro uomo, il quale, con le ultime forze, consegna a Zazà un importante microfilm. Questo fatto metterà sulle tracce di Albin e Renato spie e poliziotti che costringeranno la coppia a fuggire in Italia, presso la famiglia di Renato, in una sperduta campagna. L'Italia è rappresentata come un paese di selvaggi, in cui le donne sono trattate come schiave, l'omosessualità è passibile di linciaggio (il che comporta che Albin si vesta da donna e si presenti come la moglie di Renato) e l'omertà è pratica corrente. Albin, travestito da donna, si fingerà così la moglie di Renato e contribuirà alle faccende domestiche della casa. Presto però polizia e spie ritornano sulle tracce dei due che riescono tra mille peripezie a salvare la faccia e le penne in un romantico finale.

Sequel[modifica | modifica sorgente]

Il film, sequel del celebre Il vizietto (1978), avrà un ulteriore sequel, Matrimonio con vizietto (Il vizietto III) (1985).

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]