Il cugino Pons

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il cugino Pons
Titolo originale Le Cousin Pons
Autore Honoré de Balzac
1ª ed. originale 1847
Genere romanzo
Lingua originale francese

Il cugino Pons è un romanzo di Honoré de Balzac apparso originariamente a puntate sulla rivista Le Constitutionnel nel 1847, e successivamente in volume lo stesso anno. Il romanzo fa parte, assieme a La cugina Bette, delle "Scene di vita parigina" nella sezione "I parenti poveri" de La Commedia umana.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il cugino Pons viene presentato come un uomo antiquato, e con due manie di cui è vittima: è un buongustaio e ha una passione per il collezionismo di oggetti preziosi. Il poveruomo vive con il suo amico fedele, il tedesco Schmücke, in condizioni piuttosto squallide, è pronto a subire tutte le umiliazioni pur di essere invitato a una cena dalla famiglia Camusot di Marville, suoi parenti solo recentemente divenuti nobili. Questi ultimi sono in realtà poco più istruiti rispetto alla padrona di casa del cugino Pons e altrettanto rapaci: non si rendono conto dello spirito delicato del loro parente povero e non lo capiscono mai.

Il giorno in cui si accorgono che la sua collezione di oggetti preziosi vale una fortuna, inizia una battaglia feroce in cui la cugina Camusot, la padrona di casa, Madame Cibot, il concessionario Remonencq e il collezionista Elie Magus si scatenano per appropriarsi del tesoro con l'aiuto del medico Poulain e del suo complice, l'avvocato deposto Strawberry. I due innocenti, Pons e il fedele Schmücke, verranno schiacciati da una cupidigia di cui non sono in grado di capire la violenza.

Edizioni italiane[modifica | modifica wikitesto]

letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura