Il ballo di Sceaux

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il ballo di Sceaux
Titolo originale Le Bal de Sceaux, ou le Pair de France
Autore Honoré de Balzac
1ª ed. originale 1830
Genere romanzo
Lingua originale francese
Protagonisti Emilia Fontaine
Coprotagonisti Massimiliano Longueville

Il ballo di Sceaux (Le Bal de Sceaux) è un romanzo di Honoré de Balzac pubblicato nel 1830.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Emilia Fontaine è l'ultimogenita di una famiglia nobile ma con le sostanze limitate. Suo padre, il conte Fontaine, grazie al favore del sovrano riesce a sistemare tutti i suoi figli. Al momento di maritare Emilia, quest'ultima oppone il rifiuto a tutti i partiti proposti dalla sua famiglia. Impertinente e viziata, annuncia che sposerà solo un pari di Francia. Durante le vacanze estive, al ballo del paese "Il ballo di Sceaux", incontra un giovane, Massimiliano Longueville, del quale si innamora. La ragazza è convinta che il suo innamorato sia di nobili origini. I due giovani si scambiano le reciproche promesse d'amore. Una volta tornata a Parigi, Emilia lo vede in un negozio di stoffe, dietro al bancone. La ragazza abbandona l'innamorato e sposa l'anziano zio, il conte Kergarouët. Dopo parecchio tempo Emilia incontra Massimiliano in un salotto di Parigi, egli a causa della morte del padre e del fratello, è divento pari di Francia.

Incipit[modifica | modifica wikitesto]

Il conte di Fontaine, capo di una delle più antiche famiglie del Poitou, aveva servito con intelligenza e coraggio la causa dei Borboni durante la guerra che i Vandeani fecero alla Repubblica. Avendo avuta tanta fortuna da sfuggire a tutti i pericoli che minacciarono i capi realisti durante quella tempestosa epoca della storia contemporanea, era solito dire amenamente: Son uno di quelli che si son fatti uccidere sui gradini del trono!

Finale[modifica | modifica wikitesto]

Ella gettò uno sguardo all'ammiraglio che, secondo la sua espressione familiare, pareva dovesse tener ancora a lungo il mare, e maledisse gli errori della giovinezza. In quel momento, il vescovo di Persepoli le disse con grazia episcopale: Mia bella signora, avete scartato il re di cuori, ed io ho vinto. Ma non rimpiangete il vostro denaro, lo riservo per i miei cari seminaristi.

Edizioni italiane[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Letteratura