Il Turu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il Turu
Il Turu dal Passo della Croce.jpg
Il Turu dal Passo della Croce
Stato Italia Italia
Regione Piemonte Piemonte
Provincia Torino Torino
Altezza 1.355 m s.l.m.
Catena Alpi
Coordinate 45°14′02″N 7°28′02″E / 45.233889°N 7.467222°E45.233889; 7.467222Coordinate: 45°14′02″N 7°28′02″E / 45.233889°N 7.467222°E45.233889; 7.467222
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Il Turu
Mappa di localizzazione: Alpi
Dati SOIUSA
Grande Parte Alpi Occidentali
Grande Settore Alpi Nord-occidentali
Sezione Alpi Graie
Sottosezione Alpi di Lanzo e dell'Alta Moriana
Supergruppo Catena Rocciamelone-Charbonnel
Gruppo Gruppo del Rocciamelone
Sottogruppo Cresta Lunella-Arpone
Codice I/B-7.I-A.2.b

Il Turu è una montagna delle Alpi Graie alta 1.355 m che si trova tra la Val Ceronda, la Valle di Viù e la vallata principale della Stura di Lanzo, ed interessa i comuni di Vallo Torinese e di Germagnano.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Dal punto culminante della montagna si diparte il costolone che delimita a Nord-Est la Valle di Viù separandola dalla vallata principale della Stura di Lanzo. La cima, occupata da alte antenne per telecomunicazioni, offre un vastissimo panorama sulla catena alpina e sulla pianura piemontese. Poco a Sud della montagna si trava il Passo della Croce (1.254 m), che collega la Val Ceronda con la Valle di Viù e che fu utilizzato come via di comunicazione dai partigiani attivi in zona durante la Resistenza.

Sulla cima si trova il punto geodetico trigonometrico dell'IGM denominato Il Turu (cod. 056016).[1]

Alpinismo e sci[modifica | modifica wikitesto]

Il Turu è una montagna di interesse escursionistico ed è raggiungibile per sentiero da Vallo Torinese, oppure seguendo lo sterrato di servizio dei ripetitori da Colbeltramo o ancora, per una cresta poco agevole, dal vicino Monte Corno. La salita da Colbeltramo è anche percorribile in MTB.

Cartografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Punti Geodetici, servizio dell'IGM on-line su www.igmi.org (consultato nell'ottobre 2010)