Hiam Abbass

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Hiam Abbass

Hiam Abbass (in arabo: هيام عباس; Nazaret, 30 novembre 1960) è un'attrice e regista palestinese.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Hiam Abbass ha conosciuto la notorietà per i suoi ruoli in La sposa siriana (2004), Munich e Paradise Now (2005).[1] Nel 2007 ha interpretato Mouna Khalil ne L'ospite inatteso di Thomas McCarthy. Nel 2008 ha avuto il ruolo principale ne Il giardino di limoni - Lemon Tree, in cui interpreta una donna palestinese che lotta contro la decisione dei servizi segreti israeliani di sradicare il suo giardino di limoni in quanto potrebbe essere usato dai terroristi per fare degli attentati all'adiacente casa del Ministro della Difesa, ruolo per cui ha ricevuto un Israeli Film Acadamy Award.[1]

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Regista[modifica | modifica sorgente]

  • Le pain (2001) - cortometraggio
  • La danse éternelle (2004) - cortometraggio

Sceneggiatrice[modifica | modifica sorgente]

  • La danse éternelle (2004) - cortometraggio

Attrice[modifica | modifica sorgente]

  • La nuit miraculeuse, regia di Ariane Mnouchkine (1989)
  • Antoine Rives, juge du terrorisme (1993) - serie TV, Jacqueline Tabet in 1 episodio (1993)
  • 3000 scénarios contre un virus, di Sylviane Meraut (1994) - serie TV, in 1 episodio (1994)
  • Ognuno cerca il suo gatto (Chacun cherche son chat), regia di Cédric Klapisch (1996)
  • Haïfa, regia di Rashid Masharawi (1996) - Oum Said
  • Histoire naturelle, regia di Karim Boulila (1998) - cortometraggio
  • Raddem, regia di Danielle Arbid (1998) - cortometraggio
  • Vivre au paradis (Vivre au paradis), regia di Bourlem Guerdjou (1998)
  • Venise est une femme, regia di Jean-Pierre Vergne (1998) - film TV, la madre di Aïcha
  • Mix-cité, regia di Christophe Leprêtre (2000) - film TV
  • Ali, Rabiaa et les autres, regia di Ahmed Boulane (2001)
  • Ligne 208, regia di Bernard Dumont (2001) - la madre di Khaled
  • Le mariage en papier, regia di Stéphanie Duvivier (2001) - cortometraggio
  • Le pain, regia di Hiam Abbass (2001) - cortometraggio
  • L'ange de goudron, regia di Denis Chouinard (2001) - Naïma Kasmi
  • Fais-moi des vacances, regia di Didier Bivel (2002) - la madre di Lucien e José
  • Satin rouge (Satin rouge), regia di Raja Amari (2002) - Lilia
  • Aime ton père, regia di Jacob Berger (2002) - Salma
  • Pierre et Farid, regia di Michel Favart (2003) - film TV, la madre di Farid
  • Bab el Chams, regia di Yousry Nasrallah (2004)
  • La sposa siriana (The Syrian Bride), regia di Eran Riklis (2004) - Amal
  • Nadia et Sarra, regia di Moufida Tlatli (2004) - Nadia
  • Paradise Now (Paradise Now), regia di Hany Abu-Assad (2005) - la madre di Said
  • Sur les traces de Mélanie, regia di Laetitia Arlix (2005) - Madelaine
  • Free Zone (Free Zone), regia di Amos Gitai (2005) - Leila
  • Le démon de midi, regia di Marie-Pascale Osterrieth (2005) - Rim
  • Munich (Munich), regia di Steven Spielberg (2005) - Marie Claude Hamshari
  • Petites révélations, regia di Marie Vermillard (2005)
  • Azur e Asmar (Azur et Asmar), regia di Michel Ocelot (2006) - Jénane
  • Nativity (The Nativity Story), regia di Catherine Hardwicke (2006) - Anna
  • Il mio amico giardiniere (Dialogue avec mon jardinier), regia Jean Becker (2007)
  • Disimpegno (Disengagement), regia di Amos Gitai (2007)
  • L'ospite inatteso (The Visitor), regia di Thomas McCarthy (2007) - Mouna Khalil
  • Al-mor wa al rumman, regia di Najwa Najjar (2008) - Umm Habib
  • Kandisha, regia di Jerome Cohen-Olivar (2008)
  • Blanche, regia di Eric Griffon du Bellay (2008) - cortometraggio
  • Béthune sur Nil, regia di Jérôme Foulon (2008) - film TV, Farah
  • La fabrique des sentiments, regia di Jean-Marc Moutout (2008) - la professoressa Sterne
  • Un roman policier, redia di Stéphanie Duvivier - Fati
  • Il giardino di limoni - Lemon Tree (Etz Limon), regia di Eran Riklis (2008) - Salma Zidane
  • L'Aube du monde (L'aube du monde), regia di Abbas Fahdel (2008) - la madre di Mastour
  • Fatoush, regia di Hisham Abdel Khalek (2008) - cortometraggio, la donna
  • Amreeka, regia Cherien Dabis (2009) - Raghda Halaby
  • Espion(s), regia di Nicolas Saada (2009) - Wafa
  • Human Zoo, regia di Rie Rasmussen (2009) - Mina
  • The Limits of Control (The Limits of Control), regia di Jim Jarmusch (2009)
  • Chaque jour est une fête, regia di Dima El-Horr (2009)
  • Habibti, regia di Nour Wazzi (2010) - Iman
  • Suite parlée, regia di Joël Brisse e Marie Vermillard (2010)
  • Histoires de vies - serie TV, nell'episodio Des intégrations ordinaires (2010)
  • Miral, regia di Julian Schnabel (2010)
  • La sorgente dell'amore (La Source des femmes), regia di Radu Mihăileanu (2012)
  • Exodus - Dei e re (Exodus: Gods and Kings), regia di Ridley Scott (2014)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Hiam Abbass, mymovies.it.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 18367354 LCCN: no2005007003