Il mio amico giardiniere

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il mio amico giardiniere
Il mio amico giardiniere.png
Il pittore e il giardiniere
Titolo originale Dialogue avec mon jardinier
Paese di produzione Francia
Anno 2007
Durata 110 min
Colore colore
Audio Dolby Digital
Genere commedia
Regia Jean Becker
Soggetto Henri Cueco (romanzo)
Sceneggiatura Jean Cosmos, Jacques Monnet e Jean Becker
Musiche Ahmet Gülbay
Interpreti e personaggi
Premi
  • Audience Award come migliore film straniero
« La grande carpa è qui da qualche parte e tu sai che c'è, ma non si vede. E con la morte è lo stesso. »
(Del Prato)

Il mio amico giardiniere (Dialogue avec mon jardinier) è un film del 2007, diretto da Jean Becker.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Un pittore di mezza età, in crisi sia familiare che d'ispirazione, torna, da Parigi, in campagna, nella casa dei suoi genitori, ormai morti. Deve così sistemare un poco la casa e il giardino. Ritrova nel giardiniere, un suo compagno di scuola e amico d'infanzia.

Evidenti sono le differenze: il primo è un artista (pittore), cittadino, benestante, il secondo un ferroviere in pensione, campagnolo, "artista" del giardinaggio. Entrambi hanno però un punto di contatto la loro sensibilità, che, se pur diversa, li accomuna.

Riaffiora l'amicizia vera, spontanea, autentica, fatta di parole, silenzio, lavoro, giornate durante le quali si scambiano punti di vista sulla vita.

È in quelle giornate che nasce il loro modo scherzoso di chiamarsi: Del Prato , per il giardiniere, e Del Quadro, per il pittore. Un giorno, il giardiniere sviene per un malore. L'amico pittore lo porta, così, a Parigi per una visita medica specialistica. Qui, il pittore, scopre la grave malattia dell'amico e come al giardiniere rimanga più pochissimo tempo per vivere.

Grazie all'amicizia e al periodo trascorso in campagna, il pittore ritrova la propria sensibiltà artistica e riesce anche a risaldare il legame con la moglie e la figlia.

Sceneggiatura[modifica | modifica wikitesto]

È l'adattamento cinematografico del romanzo Dialogue avec mon jardinier di Henri Cueco. Jean Becker, oltre che esserne il regista, ha anche curato la sceneggiatura con Jean Cosmos et Jacques Monnet. Rispetto al romanzo, in cui predomina, la figura del giardiniere, nel film, è stata bilanciata da quella del pittore, il cui personaggio è stato approfondito. La storia ha un tono semplice, naturale e gentile e profondo. La genuinità della campagna e dell'infanzia.

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Va fatta attenzione ai dialoghi. Il titolo originale Dialogue avec mon jardinier ne è manifesto.
Jean Becker ha creato una storia di amicizia, dipinta con toni impressionisti in cui gli attori protagonisti Daniel Auteuil e Jean-Pierre Darroussin risultano sensibili, fini e complementari.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (FR) Brigitte Baudin, Le Figaroscope.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema