Harold Acton

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lapide di Harold Acton

Sir Harold Mario Acton (Firenze, 5 luglio 1904Firenze, 27 febbraio 1994) è stato uno scrittore, storico e collezionista d'arte britannico.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Acton nacque in una famiglia anglo-italiana, figlio del collezionista Arthur Acton e dell'ereditiera americana Hortense Mitchell, originaria di Chicago. La coppia acquistò la grande villa La Pietra nei dintorni di Firenze, che poi passò a Harold. Dopo aver studiato all'Eton College e a Oxford, si stabilì nel 1932 a Pechino, dove visse diversi anni, divenendo uno dei principali collezionisti e studiosi dell'arte cinese prima della guerra.

Tradusse diverse raccolte di poesie e racconti dal cinese all'inglese, per poi tornare, allo scoppio della seconda guerra mondiale, in Inghilterra, dove si arruolò nella RAF.

Dopo la guerra si stabilì in Toscana, dove visse gran parte della sua vita. Ebbe come base villa La Pietra, che rese un centro di ritrovo della comunità anglo-americana fiorentina e toscana, passaggio obbligato per la società intellettuale, mondana e cosmopolita dell'epoca, come era stata villa I Tatti con Bernard Berenson.

Alla sua morte decise di destinare le sue proprietà a Firenze, compresa La Pietra e alcune ville satellite, all'Università di New York, che oggi vi tiene un campus. È sepolto al Cimitero degli Allori.

Ad Acton si ispirò Evelyn Waugh per il personaggio dandy e decadente di Anthony Blanche in Ritorno a Brideshead.

Opere[modifica | modifica sorgente]

  • Gli ultimi Medici, trad. di Adriana Castelnuovo Tedesco, Collezione Saggi n.305, Einaudi, Torino, 1962; Collana Gli Struzzi, Einaudi, Torino, 1987-1997 ISBN 978-88-06-59870-8; Perrin, 1984; 2002
  • I Borboni di Napoli (1734-1825), Aldo Martello Editore, 1960-1968; Giunti Martello, Firenze 1974
  • Gli ultimi Borboni di Napoli (1825-1862), Giunti Martello, Firenze, 1962-1968-1973; cofanetto I Borboni di Napoli, Collana Saggi, Giunti, Firenze, 1997-1999
  • Ville Toscane. Fotografie di Alexander Zielcke, Becocci, 1973
  • Memorie d'un esteta, Collana Saggi, Garzanti, Milano, 1965; t. 1, Julliard, 1991; t. 2, Julliard, 1992
  • Peonie e pony, Rivages/Poche, 1992
  • L'ultima offerta. Romanzo, trad. di Marcella Bonsanti, Rizzoli, Milano, I°ed. 1968
  • Principe Isidoro, trad. di Maria e Rodolfo Celletti, Garzanti, Milano, 1951 Salvy, 1998
  • Il Botticelli fantasma ed altri racconti fiorentini, Passigli Editori, 1985
  • La Marchesa Carrie. Racconti fiorentini, Collana Le Lettere n.47, Passigli Editori, 1991
  • Fin de Race. Racconti fiorentini, Passigli Editori

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere Commendatore dell'Ordine dell'Impero Britannico - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere Commendatore dell'Ordine dell'Impero Britannico
— 1974

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Edward Chaney, «Sir Harold Acton», in Oxford Dictionary of National Biography
  • (FR) Angelo Rinaldi, Service de presse, capitolo «Sir Harold», Plon, 1999

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 64016314 LCCN: n50037013