Hélène Carrère d'Encausse

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Hélène Carrère d'Encausse

Hélène Carrère d'Encausse, nata Hélène Zourabichvili, (Parigi, 6 luglio 1929), è una storica francese, membro dell'Académie française, della quale svolge permanentemente le funzioni di segretaria.

Specializzata nella storia della Russia, si formò all'Institut d'études politiques de Paris di Parigi. Il 13 dicembre 1990 fu eletta all'Académie française, nella quale occupa il seggio numero 14, e nel 1991 lo scultore Goudji realizzò la sua spada accademica.

Suo figlio, Emmanuel Carrère, è uno scrittore, sceneggiatore e regista.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • 1963 - Réforme et révolution chez les musulmans de l'Empire russe (Armand Colin)
  • 1966 - Le Marxisme et l'Asie (avec Stuart R. Schram), 1853-1964 (Armand Colin)
  • 1967 - Central Asia, a century of Russian rule, Columbia Univ., réédition 1990 (Duke University publication)
  • 1969 - L'URSS et la Chine devant la révolution des sociétés pré-industrielles (avec Stuart R. Schram) (Armand Colin)
  • 1972 - L'Union soviétique de Lénine à Staline (Éd. Richelieu)
  • 1975 - La Politique soviétique au Moyen-Orient, 1955-1975 (Presses de la F.N.S.P.)
  • 1978 - L'Empire éclaté (Flammarion)
  • 1979 - Lénine, la Révolution et le Pouvoir (Flammarion)
  • 1979 - Staline, l'ordre par la terreur (Flammarion)
  • 1980 - Le Pouvoir confisqué (Flammarion)
  • 1982 - Le Grand Frère (Flammarion)
  • 1985 - La déstalinisation commence (Complexe)
  • 1986 - Ni paix ni guerre (Flammarion)
  • 1987 - Le Grand Défi (Flammarion)
  • 1988 - Le Malheur russe (Fayard)
  • 1990 - La Gloire des Nations (Fayard)
  • 1992 - Victorieuse Russie (Fayard)
  • 1993 - L'URSS, de la Révolution à la mort de Staline (Le Seuil)
  • 1996 - Nicolas II, La transition interrompue (Fayard)
  • 1998 - Lénine (Fayard)
  • 2000 - La Russie inachevée (Fayard)
  • 2002 - Catherine II (Fayard)
  • 2003 - L'Impératrice et l'abbé : un duel littéraire inédit (Fayard)
  • 2005 - L'Empire d'Eurasie (Fayard)

Onorificenze[1][modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze francesi[modifica | modifica wikitesto]

Ufficiale dell'Ordine della Legion d'onore - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale dell'Ordine della Legion d'onore
— 16 dicembre 1999
Commendatore dell'Ordine della Legion d'Onore - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine della Legion d'Onore
— 31 dicembre 2004
Grand'Ufficiale dell'Ordine della Legion d'Onore - nastrino per uniforme ordinaria Grand'Ufficiale dell'Ordine della Legion d'Onore
— 10 giugno 2008
Dama di Gran Croce dell'Ordine della Legion d'Onore - nastrino per uniforme ordinaria Dama di Gran Croce dell'Ordine della Legion d'Onore
— 30 dicembre 2011
Ufficiale dell'Ordine Nazionale al Merito - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale dell'Ordine Nazionale al Merito
Commendatore dell'Ordre des Arts et des Lettres - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordre des Arts et des Lettres

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Commendatore dell'Ordine di Leopoldo (Belgio) - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine di Leopoldo (Belgio)
Commendatore dell'Ordine Nazionale della Croce del Sud (Brasile) - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine Nazionale della Croce del Sud (Brasile)
Commendatore dell'Ordine al Merito Culturale (Monaco) - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine al Merito Culturale (Monaco)
— 18 novembre 1999[2]
Ordine d'Onore (Russia) - nastrino per uniforme ordinaria Ordine d'Onore (Russia)
«Per il contributo di rilievo allo sviluppo e al rafforzamento dell'amicizia e della cooperazione tra la Federazione Russa e la Repubblica francese»
— 13 ottobre 2009

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sito web dell'Accademia: dettaglio membro.
  2. ^ Bollettino Ufficiale del Principato

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (FR) La scheda sul sito dell'Académie française
Predecessore Seggio 14 dell'Académie française Successore
Jean Mistler 1990 - presente -

Controllo di autorità VIAF: 82672458 LCCN: n79074301