Jean-Luc Marion

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jean-Luc Marion

Jean-Luc Marion (Maudon, 3 luglio 1946) è un filosofo e storico della filosofia francese, docente presso l'università Paris IV: Paris-Sorbonne e l'University of Chicago.

Orientamento filosofico[modifica | modifica wikitesto]

Marion è stato allievo dell'École Normale Supérieure di Parigi, si è poi confrontato con i filosofi più importanti del panorama francese contemporaneo come Paul Ricoeur, Emmanuel Levinas, Jacques Derrida, avviando un confronto originale con la fenomenologia di E. Husserl e l'ermeneutica e l'ontologia di M.Heidegger, in un contesto filosofico postmetafisico. È giunto a elaborare un'originale «fenomenologia della donazione», tra le più significative proposte attuali di filosofia della religione. L'autore ha inoltre studiato approfonditamente Descartes di cui è tra i più noti interpreti internazionali; si è inoltre occupato di storia della metafisica e di teologia, con particolare riferimento ai temi dell'essere, del dono e del rapporto tra ontologia e teologia.

Il 10 dicembre 2011 papa Benedetto XVI lo ha nominato membro del Pontificio Consiglio della Cultura.[1]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Opere in italiano[modifica | modifica wikitesto]

  • L'idolo e la distanza, Jaka Book, Milano 1979.
  • Dio senza essere Jaka Book, Milano 1984
  • Il prisma metafisico di Descartes, Guerini & associati, Milano 1998.
  • Dato che. Saggio per una fenomenologia della donazione, Sei, Torino 2001.
  • Il visibile e il rivelato, Jaka Book, Milano 2007.
  • Il fenomeno erotico, Cantagalli, Siena 2008.
  • Riduzione e Donazione, Marcianum Press, Venezia 2010.
  • Questioni cartesiane sull'io e su Dio, Mondadori Education, 2010.
  • Credere per vedere. Riflessione sulla razionalità della Rivelazione e l'irrazionalità di alcuni credenti, Lindau, Torino 2012.

Opere in francese[modifica | modifica wikitesto]

  • Sur l’ontologie grise de Descartes. Science cartésienne et savoir aristotélicien dans les Regulae, Librairie Philosophique J. Vrin, Parigi 1975.
  • L’idole et la distance. Cinq études, Grasset, Parigi 1977.
  • Sur la théologie blanche de Descartes. Analogie, création des vérités éternelles, fondement, P.U.F, Parigi 1981.
  • Dieu sans l’être, Fayard, Parigi 1982.
  • Sur le prisme métaphysique de Descartes. Constitution et limites de l’onto-théo-logie cartésienne, P.U.F, Parigi 1986.
  • Prolégomènes à la charité, Éditions de la Différence, Parigi 1986.
  • Réduction et donation. Recherches sur Husserl, Heidegger et la phénoménologie, P.U.F., Parigi 1989.
  • Questions cartésiennes I. Méthode et métaphysique, PUF, Parigi 1991.
  • La croisée du visible, Éditions de la Différence, P.U.F., Parigi 1991
  • Questions cartésiennes II. L’ego et Dieu, P.U.F., Parigi 1996.
  • Etant donné. Essai d’une phénoménologie de la donation, P.U.F., Parigi 1997.
  • De surcroît. Etudes sur les phénomènes saturés, P.U.F, Parigi 2001.
  • Le phénomène érotique, Grasset, Parigi 2003.
  • Le visible et le révélé, Cerf, Parigi 2005.
  • Au lieu de soi, l'approche de saint Augustin, PUF, Parigi 2008

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Console Alice Access Gateway

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Seggio 4 dell'Académie française Successore Institut-de-france-pont-des-arts.jpg
Jean-Marie Lustiger dal 2008 in carica

Controllo di autorità VIAF: 108620041 LCCN: n83014760