François Cheng

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
François Cheng

François Cheng (程抱一trad., "Colui che comprende l'Unità") (30 agosto 1929) è uno scrittore, poeta e calligrafo cinese naturalizzato francese. È diventato cittadino francese nel 1971.

Nato in una famiglia di letterati (i suoi genitori furono tra i primi borsisti cinesi negli USA, e il padre partecipò alla fondazione dell'UNESCO come specialista in Scienze dell'educazione), arrivò in Francia nel 1949, senza conoscere una parola di francese, esule dalla sua patria e spinto dalla passione per la cultura francese. È entrato nella carriera universitaria a partire dagli anni sessanta, all'École des langues orientales, cimentandosi anche in traduzioni di poesia, e traducendo in cinese Baudelaire, Rimbaud, Apollinaire, Char e Michaux.

Naturalizzato francese nel 1971, ha cominciato a pubblicare in francese abbastanza tardi, inizialmente sulla pittura cinese, poi anche opere di poesia. Successivamente, valutando di aver raggiunto l'esperienza sufficiente, è passato a scrivere romanzi.

Nel 2001 François Cheng è stato insignito del Grand Prix de la francophonie dell'Académie française. Il 13 giugno 2002 è diventato il primo asiatico eletto tra i membri dell'Académie française. È membro dell'Haut Conseil de la Francophonie.

Nel 2007 è stato insignito della laurea honoris causa in Lingue e Letterature Straniere dall'Università degli Studi di Bergamo.

Opere[modifica | modifica sorgente]

  • Analyse formelle de l'œuvre poétique d'un auteur des Tang: Zhang Ruoxu (1970)
  • Le Pousse-pousse, de Lao She (traduction, 1973)
  • L'Écriture poétique chinoise, Editions du Seuil, (1977 et 1996)
  • Vide et plein, : le langage pictural chinois, Editions du Seuil, (1979 et 1991)
  • L'Espace du rêve: mille ans de peinture chinoise, Phébus, (1980)
  • Sept poètes français (1983)
  • Henri Michaux, sa vie, son œuvre (1984)
  • Chu Ta: le génie du trait, Phébus, (1986)
  • Some Reflections on Chinese Poetic Language and its Relation to Chinese Cosmology dans The Vitality of the Lyric Voice (1986)
  • The Reciprocity of Subject and Object in Chinese Poetic Language dans Poetics East and West (1988)
  • De l'arbre et du rocher, poèmes, Fata Morgana, (1989)
  • Souffle-Esprit, Editions du Seuil, (1989 et 2006)
  • Entre source et nuage, Voix de poètes dans la Chine d'hier et d'aujourd'hui Albin Michel (1990 et 2002)
  • Saisons à vie, poèmes, Encre marine, (1993)
  • Trente-six poèmes d'amour, poèmes, Unes, (1997)
  • Quand les pierres font signe (1997) (avec Fabienne Verdier)
  • Le Dit de Tianyi, Albin Michel, (1998) Prix Femina
    in italiano: Le parole di Tianyi, Garzanti 2000
  • Double chant, Encre Marine, (1998) Prix Roger-Caillois
  • Shitao: la saveur du monde, Phébus, (1998) Prix André-Malraux
    in italiano: Shitao 1642-1707. Il sapore del mondo, Pagine d'arte 1999
  • Cantos toscans, Unes, (1999)
  • D'où jaillit le chant, Phébus, (2000)
  • Poésie chinoise, poèmes, Albin Michel, (2000)
  • Et le souffle devient signe, Iconoclaste, (2001)
  • Qui dira notre nuit, poèmes, Arfuyen, (2001)
  • L'éternité n'est pas de trop, Albin Michel, (2002)
  • Le Dialogue, Une passion pour la langue française, Desclée de Brouwer, (2002)
    in italiano: Il dialogo, Servitium 2003
  • Le Long d'un amour, poèmes, Arfuyen, (2003)
    in italiano: Nell'eterno, l'amore, Pisani 2005
  • Le Livre du vide médian, poèmes, Albin Michel, (2004)
  • Que nos instants soient d'accueil, con Francis Herth, Les Amis du Livre contemporain, (2005)
  • À l'orient de tout, poèmes, Gallimard, (2005)
  • Cinq méditations sur la beauté, Albin Michel, (2006)
    in italiano: Cinque meditazioni sulla bellezza, Bollati Boringhieri 2007
  • Cinq méditations sur la mort - autrement dit sur la vie - Broché 2013

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Ufficiale dell'Ordine della Legion d'onore - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale dell'Ordine della Legion d'onore
— 1º gennaio 2009

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Seggio 34 dell'Académie française Successore
Jacques de Bourbon Busset 2002 -

Controllo di autorità VIAF: 105077443 LCCN: n81061413

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie