Guardato a vista

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Guardato a vista
Michel Serrault e Lino Ventura in una scena del film
Michel Serrault e Lino Ventura in una scena del film
Titolo originale Garde à vue
Paese di produzione Francia
Anno 1981
Durata 84 min.
Colore colore
Audio sonoro
Genere drammatico, thriller
Regia Claude Miller
Soggetto John Wainwright (romanzo)
Sceneggiatura Jean Herman e Claude Miller
Fotografia Bruno Nuytten
Montaggio Albert Jurgenson
Musiche Georges Delerue
Scenografia Eric Moulard e Lâm Lê
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Premi

Guardato a vista è un film del 1981 diretto da Claude Miller, tratto da un romanzo di John Wainwright.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

È la sera dell'ultimo dell'anno, Jerome Martinaud, ricco e importante notaio di una cittadina della Normandia si trova sotto interrogatorio nel commissariato di polizia. A condurre l'interrogatorio è l'ispettore Gallien. I fatti antecedenti sono questi: durante una passeggiata, che il notaio fa quotidianamente portando con sé il cane di un vicino, trova, abbandonato vicino ad un boschetto, il corpo di una bambina uccisa e poi stuprata; rientrato a casa, telefona alla polizia. Alcune dichiarazioni rilasciate da Martinaud non convincono l'ispettore, su queste ruoterà l’interrogatorio. Martinaud, da testimone, diventerà il principale sospettato, a suo carico sarà emesso uno stato di fermo e dovrà rispondere non solo di questo omicidio, ma anche di un assassinio di un’altra bambina, avvenuto la settimana precedente, il cui cadavere fu ritrovato abbandonato riverso sulla spiaggia. Durante l'interrogatorio saranno svelati alcuni retroscena della vita privata del notaio, della difficile convivenza con la moglie, del suo rapporto apparentemente morboso per una bambina, figlia di una famiglia di conoscenti. La bella ed elegante moglie di Martinaud, Chantal, giungerà nella notte al commissariato e durante un colloquio a tu per tu con l'ispettore procurerà a Gallien una prova che sembra inchiodare il marito alle sue responsabilità negli omicidi. L'intrico psicologico raggiungerà il suo apice quando Martinaud, smentito e "gelato" da Gallien con le rivelazioni della moglie Chantal, confesserà entrambi gli omicidi, ma un evento inatteso ribalterà l'intera vicenda sconvolgendo i fatti e la vita stessa dei protagonisti.


Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cinema