Grande Emigrazione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Esilio polacco, disegno del XIX secolo

La Grande Emigrazione[1] (in polacco: Wielka Emigracja) fu un'emigrazione dell'élite polacca dalla madrepatria nel periodo 18311870. A partire dalla fine del XVIII secolo, il ruolo principale nella vita politica polacca fu giocato da persone che conducevano le proprie attività al di fuori della Polonia come emigrati. La loro vita era conseguenza delle spartizioni della Polonia, che divisero completamente le terre della Confederazione Polacco-Lituana tra Impero russo, Regno di Prussia e Monarchia asburgica d'Austria. A causa dell'emigrazione delle élite politiche, gran parte dell'attività politica ed ideologica dell'intellighenzia polacca durante il XVIII e XIX secolo fu giocata al di fuori delle terre della Polonia spartita.

La maggior parte degli emigranti politici scelsero la Francia. L'ondata principale di emigrazione giunse dopo la Rivolta di Novembre del 18301831. Questi polacchi, poi, combatterono e fornirono sostegno nelle rivoluzioni del 1846 e 1848 in Polonia. La loro resistenza non era limitata all'attività rivoluzionaria polacca, ma essi parteciparono anche alle rivoluzioni del 1848 in diverse nazioni, tra cui la Francia, i piccoli principati della Germania e Italia, l'Austria, l'Ungheria e i Principati danubiani (Valacchia e Moldavia), le nazioni del Sud America (Argentina e Uruguay, partecipando alla "Grande Guerra") e, in seguito, alla guerra di Crimea. Ulteriori ondate di emigrazione giunsero dopo il fallimenro della rivoluzione del 1848 e dopo la Rivolta di Gennaio del 18631864.

Emigranti polacchi in Belgio, disegno del XIX secolo

I principali polacchi della Grande Emigrazione che vissero in esilio furono:

Alcuni polacchi emigrarono non per motivi dovuti alla politica, ma per perseguire scopi personali. Questo fu il caso di Maria Curie-Skłodowska, che non fu accettata in alcuna università della Polonia (a causa del suo sesso e per le ripercussioni della Rivolta di Gennaio), pertanto decise di tentare nelle università francesi.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Klaus J. Bade, Migration in European History, Blackwell Publishing, 2003, p. 134, ISBN 0-631-18939-4.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]