Romanticismo in Polonia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il Romanticismo in Polonia fu un periodo nell'evoluzione delle arti e della cultura polacca che iniziò con la pubblicazione del primo poema di Adam Mickiewicz nel 1822, e che terminò con la soppressione della rivolta di Gennaio nel 1864. Quest'ultimo evento aprì una nuova era nella cultura polacca: il Positivismo.

Il Romanticismo polacco, diversamente dal Romanticismo nel resto d'Europa, non fu limitato ai campi della letteratura e dell'arte. Proprio per le caratteristiche peculiari della storia polacca, tra cui le spartizioni della Polonia, esso costituì un movimento idealistico, politico e filosofico che espresse le idee e il modo di vivere di una grande porzione del popolo polacco.

Il Romanticismo polacco si dintingue in due periodi separati: 18201832 e 18321864. Nel primo, i romantici polacchi furono fortemente influenzati da altri romantici europei; la loro arte rappresentò le emozioni e l'irrazionalità, la fantasia e l'immaginazione, il culto della personalità, il folklore e la vita della nazione, oltre alla propagazione dell'ideale della libertà. Gli scrittori più famosi del periodo furono Adam Mickiewicz, Seweryn Goszczyński, Tomasz Zan e Maurycy Mochnacki.

Nel secondo periodo, molti dei romantici polacchi operarono all'estero, a causa delle loro idee sovversive, banditi dalla Polonia dalle potenze occupanti. Il loro lavoro divenne sempre più dominato da ideali nazionalisti e dalla battaglia per riconquistare l'indipendenza della nazione. Divennero più espliciti gli elementi di misticismo. Si sviluppò l'idea del poeta-wieszcz; il wieszcz (bardo) operava come leader spirituale della nazione che combatteva per l'indipendenza: l'artista principale riconosciuto come tale fu Adam Mickiewicz. Il suo famoso poema epico Pan Tadeusz descrive il suo amore per la terra e il popolo della sua madrepatria:

(PL)
« Litwo! Ojczyzno moja! ty jesteś jak zdrowie;
Ile cię trzeba cenić, ten tylko się dowie,
Kto cię stracił. Dziś piękność twą w całej ozdobie
Widzę i opisuję, bo tęsknię po tobie.
 »
(IT)
« Lituania! Patria mia! tu sei come la salute.
Quanto ti si deve apprezzare, può solo testimoniarlo
Chi ti ha persa. Oggi la bellezza tua nei suoi ornamenti tutti
Vedo e descrivo, poiché a te anelo. »
(Incipit del Pan Tadeusz)

Può sembrare strano che un poeta polacco invochi la Lituania e non la Polonia. Ciò è dovuto al fatto che Mickiewicz crebbe nell'ambiente multiculturale della Confederazione Polacco-Lituana, che aveva unito gran parte di quelli che oggi sono i diversi Paesi di Polonia, Lituania, Bielorussia ed Ucraina. Egli è spesso considerato di origini lituane dai lituani, mentre i Bielorussi lo dichiarano essere uno di loro, dal momento che nacque nel territorio dell'attuale Bielorussia.

Tra gli altri principali scrittori romantici polacchi attivi all'estero ci sono Juliusz Słowacki, Zygmunt Krasiński e Cyprian Kamil Norwid.

Molti scrittori romantici, invece, rimasero attivi nella Polonia divisa e occupata: Józef Ignacy Kraszewski, Wincenty Pol, Władysław Syrokomla, Narcyza Żmichowska.

Le idee romantiche non influenzarono solo la letteratura, ma anche la pittura e la musica. Esempio della pittura romantica polacca è l'opera di Piotr Michałowski. Lo sviluppo dell'arte polacca subì le forti influenze della musica di Fryderyk Chopin e Stanisław Moniuszko.

Uno dei caratteri unici del romanticismo polacco fu il collegamento con la storia polacca. Il romanticismo polacco rivisse le vecchie tradizioni del sarmatismo della nobiltà polacca (la szlachta); questo carattere non è osservabile in altre nazioni europee, dove il contrasto tra la gloria del passato e la miseria del presente non era così pronunciato, o non esisteva del tutto.

Principali scrittori e poeti romantici[modifica | modifica sorgente]

Tra i principali scrittori e poeti romantici polacchi vi sono:

Tra le altre importanti figure del periodo romantico vi furono:

Polonia Portale Polonia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Polonia