Governo provvisorio pan-russo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il Governo provvisorio pan-russo (in russo: Временное Всероссийское правительство) o PA-RG è stato il principale centro di governo ad Omsk durante la guerra civile russa.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Formato alla fine di settembre 1918, il PA-RG si è formata dai due principali regimi della regione, il Komuch (comitato dei membri dell'assemblea costituente), formato soprattutto da membri del Partito Socialista Rivoluzionario e del Partito dei cadetti, e il Governo provvisorio della Siberia autonoma, che consisteva principalmente di politici regionali e funzionari di destra.

I due regimi, il primo unionista ed il secondo secessionista, erano giunti ad una rivalità sfociata in una guerra doganale e numerose controversie frontaliere. Una conferenza iniziata l'8 settembre e terminata il 23 sancì l'istituzione di questo Governo come ultimo tentativo di formare un unico governo anti-bolscevico. Ma è stato solo un compromesso. Il Komuch acquisita il riconoscimento per l'Assemblea costituente dominata dai socialisti rivoluzionari, come eventuale base di potere. La destra guadagnò un periodo di tre mesi di prova, fino al gennaio 1919. Anche se il Komuch abbandonò la sua pretesa di essere l'unico legittimo governo russo, in questo frangente l'incarnazione del nuovo governo è il direttorio dei cinque. Il Direttorio consisteva di 2 socialisti rivoluzionari, Nikolai Avksentiev e Vladimir Zenzinov; gli altri amministratori sono stati Vologodsky, un politico regionale e capo del Governo provvisorio della Siberia autonoma, il generale A.G .Boldyrev ed il cadetto Vinogradov.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]