Partito dei cadetti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Partito Costituzionale Democratico
Leader Pavel Nikolaevič Miljukov
Stato Russia Russia
Fondazione 1905
Dissoluzione 21 dicembre 1917 (messo fuori legge)
Sede San Pietroburgo
Ideologia Monarchismo costituzionalista
Liberalismo
Liberalismo sociale
Occidentalismo
Collocazione Destra
Seggi massimi Duma
176 / 499
(1905)

Il Partito Costituzionale Democratico (in russo: Конституционная Демократическая партия?) o partito dei cadetti (dalle iniziali K-D) fu un partito di ispirazione liberale agli inizi del XX secolo in Russia.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Con la rivoluzione del marzo 1917 (rivoluzione di febbraio secondo il calendario giuliano), e la conseguente caduta del governo zarista di Nicola II, si era venuto a sostituire un governo provvisorio, formato principalmente dai membri della Duma, e guidato dal principe Georgij L'vov.

Il programma di tale governo era quello di proseguire la prima guerra mondiale a fianco dei vecchi alleati (Francia e Inghilterra), e al contempo di promuovere riforme politiche ed economiche atte ad una profonda modernizzazione ed occidentalizzazione del sistema russo, antiquato e superato.

Il partito costituzionale democratico, per le iniziali chiamato partito dei cadetti, raccoglieva le forze di aspirazione borghese liberale che miravano alla formazione di un parlamento elettivo sul modello occidentale, ed uno stato di matrice monarchica e costituzionale.

Fece parte del Governo provvisorio pan-russo.

Principali figure del Partito dei Cadetti[modifica | modifica sorgente]

Le principali figure del partito dei cadetti furono: