Giochi Interalleati

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giochi Interalleati
Sport Stub sport.png Multisport
Edizione unica
Organizzatore YMCA
Date dal 22 giugno
al 6 luglio 1919
Luogo Francia Francia
Parigi
Partecipanti 1415
Nazioni 19
Discipline 16
Direttore Elwood S. Brown
Inter-AlliedGames.jpg
Locandina dei Giochi Interalleati raffigurante un atleta che salta le bandiere dei Paesi Alleati

I Giochi Interalleati furono una competizione sportiva assimilabile ad un'Olimpiade riservata agli atleti militari degli stati e territori usciti vincitori dal primo conflitto mondiale. Si tennero dal 22 giugno al 6 luglio 1919 a Parigi.

Furono voluti dal comandante del corpo di spedizione americano John Joseph Pershing e finanziati dall'YMCA (Young Men's Christian Association) che affidò l'organizzazione a Elwood S. Brown (lo stesso che nel 1913 promosse i primi Giochi dell'Estremo Oriente).

I Giochi furono aperti dal presidente francese Raymond Poincaré e dal presidente degli Stati Uniti Thomas Woodrow Wilson.

Questa competizione permise di rafforzare i rapporti amicizia tra i popoli alleati e di promuovere nuove pratiche sportive.

Discipline[modifica | modifica sorgente]

Paesi partecipanti[modifica | modifica sorgente]

Come già detto, a questa particolare manifestazione parteciparono 1415 atleti provenienti da 19 potenze alleate. Queste furono (tra parentesi il numero di atleti):

Classifica[modifica | modifica sorgente]

Squadra Punti
Stati Uniti Stati Uniti 120
Francia Francia 104
bandiera Italia 45
Australia Australia 41
Belgio Belgio 27
Canada Canada 18
Cecoslovacchia Cecoslovacchia 16,5
Portogallo Portogallo 12
Romania Romania 6
Nuova Zelanda Nuova Zelanda
bandiera Serbia 3
Gran Bretagna Gran Bretagna 2
Grecia Grecia 1

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Alberto Brambilla, Sergio Giuntini, Carlo Speroni. Un grande bustocco nella storia dell'atletica italiana, Busto Arsizio, Audino Editore, 2006.