Giardini della Biennale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 45°25′44.51″N 12°21′25.2″E / 45.42903°N 12.357°E45.42903; 12.357

I Giardini della Biennale dal Bacino di San Marco

I Giardini della Biennale sono dei giardini pubblici di Venezia, ubicati nel sestiere di Castello, sede della Esposizione Internazionale d'Arte di Venezia.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Gli attuali Giardini della Biennale sono frutto di una bonifica di età napoleonica, su un'area precedentemente non urbanizzata.

A partire dal 1895 i giardini divennero un'importante sede della Biennale di Venezia, che nel corso del XX secolo si arricchì di un numero crescente di padiglioni per le esposizioni di ciascuna nazione partecipante.
Attualmente si contano 30 padiglioni, 29 per le partecipazioni nazionali più il Padiglione Centrale (ex Padiglione Italia), che ospita la mostra principale dell'evento.

Oggi questi giardini pubblici e i loro padiglioni sono ancora utilizzati in occasione della manifestazione che dà loro il nome.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Padiglioni[modifica | modifica sorgente]

Ex Padiglione Italia, ora Padiglione Centrale

I Giardini contengono una florida vegetazione, tra la quale si organizzano, perlopiù intorno a un viale centrale da cui si dipanano sentieri minori, le diverse architetture novecentesche dei padiglioni, caratteristiche per la forma e ciascuna effigiata dal nome della nazione ospitata.

Di seguito si riporta l'elenco dei padiglioni per le esposizioni dedicati a ciascuna nazione partecipante, in ordine cronologico di costruzione con i corrispettivi architetti:

Monumenti[modifica | modifica sorgente]

All'interno dei Giardini sono posti numerosi monumenti, la maggior parte dei quali trovano posto nell'area adiacente al Bacino di San Marco.

Elenco parziale dei monumenti:

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]