Geminiano Giacomelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Geminiano Giacomelli, o Jacomelli (Piacenza, 28 maggio 1692Loreto, 25 gennaio 1740), è stato un compositore italiano.

Fu nominato nel 1724 maestro di cappella del duca di Parma.

Dopo la rappresentazione della sua opera intitolata Ipermestra, nel 1724, continuò gli studi con Alessandro Scarlatti nella città di Napoli e divenne uno dei compositori più popolari della sua epoca[1]. Fra il 1724 e il 1740 compose 19 opere e per molti anni lavorò alla corte imperiale viennese.

La sua opera più celebre è Cesare in Egitto, presentata nel 1735.

Nel 1738 divenne maestro di cappella della Santa Casa di Loreto. Le sue composizioni comprendono opere liriche e musica sacra; concerti con continuo e 8 salmi per tenori e basso.

Opere liriche[modifica | modifica sorgente]

Pasticci[modifica | modifica sorgente]

  • Lucio Papirio dittatore (con musica di Giacomelli ed Handel)(King's Theatre di Londra, 1732)
  • Circe (Theather am Gänsemarkt di Amburgo, 1734)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ A.Della Corte e G.M.Gatti, Dizionario di musica, Paravia, 1956, p. 255.

Controllo di autorità VIAF: 100192224 LCCN: n82245061