Evoluzione parallela

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Grafico della teoria multiregionale dell'evoluzione umana fino all'uomo moderno. Le linee orizzontali rappresentano il flusso genetico tra linee regionali

L'ipotesi dell'evoluzione parallela, da non confondere con la teoria poligenista anche se è quella che più le si avvicina, è stata avanzata dal paleontologo Carleton Coon.

Tale teoria ipotizza che lHomo sapiens (l'uomo moderno) si è sviluppato in modo distinto dallHomo erectus in cinque aree separate della Terra ed in tempi diversi, evolvendo per migliaia di anni indipendentemente e dando origine alle varianti locali. È spesso confusa con l'ipotesi multiregionale, ma tali teorie differiscono in modo significativo in quanto il "modello a candelabro" di Coon non contempla flusso genetico tra le antiche popolazioni umane.

Definizione classica[modifica | modifica wikitesto]

L'evoluzione parallela (spesso indistinguibile e scambiata con l'evoluzione convergente come invece lo sono le ali negli uccelli e nei pipistrelli od il sistema d'ecolocalizzazione in questi ed in alcuni cetacei) è l'evoluzione, nello stesso tempo e in un simile ecosistema, di gruppi o specie geograficamente separate, discendenti però da un antenato comune, in modo tale da essere morfologicamente simili. Tipico esempio sono le similarità morfo-funzionali dei mammiferi marsupiali australiani (forma del corpo, struttura degli arti,...; simili e analoghi modi di alimentarsi) e di quelli placentati altrove. Tanto che i marsupiali sono spesso denominati dalla loro controparte placentata: lupo marsupiale, talpa marsupiale, topo marsupiale,...[1]

Evoluzione parallela tra placentati e marsupiali

Ma anche insetti e molte specie di api e di formiche hanno similmente evoluto uguali e complessi comportamenti sociali.[2] [non chiaro]

È infatti molto probabile che specie che risultano molto affini tra loro e che hanno gli stessi modelli di sviluppo e simili pool genici si modifichino allo stesso modo se soggetti ad analoghe pressioni selettive.[3][senza fonte]

Fino a pochi anni fa l'evoluzione parallela a livello genotipico era considerata improbabile, perché si pensava che le differenze fenotipiche fossero controllate da molti geni. Crescenti prove hanno però evidenziato che la variazione fenotipica è talvolta dovuta ad una semplice base genetica e che le evoluzioni parallele a livello genotipico possono essere più frequenti di quanto si pensasse.[4] Recenti studi hanno ad esempio messo in luce che la fermentazione digestiva che avviene nelle scimmie Colobinae e negli uccelli Hoazin, simile a quella dei ruminanti, sia dovuta ad evoluzione genetica parallela[5][6] o convergente[7][8][9].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Evoluzione parallela.
  2. ^ Nell'evoluzione parallela del comportamento eusociale degli Imenotteri (formiche, api e vespe in cui le "caste" sterili delle operaie e dei soldati sono sempre femmine) "probabilmente la ripetuta evoluzione dell'eusocialità negli Imenotteri è strettamente legata alla aplodiploidia."
  3. ^ L'evoluzione parallela definisce le caratteristiche simili risultanti da una simile pressione selettiva agente su di un simile pool genetico. "Competition Science Vision"
  4. ^ Parallel genotypic adaptation: when evolution repeats itself.
  5. ^ Parallel Evolution: Proteins Do It, Too.
  6. ^ Parallel adaptive origins of digestive RNases in Asian and African leaf monkeys.
  7. ^ La fermentazione intestinale degli uccelli.
  8. ^ Mechanistic approaches to the study of evolution: the functional synthesis.
  9. ^ Detection of Convergent and Parallel Evolution at the Amino Acid Sequence Level.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Biologia Portale Biologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Biologia