Eucyon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Eucyon
Eucyon davisi.JPG
Fossile di Eucyon davisi
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Carnivora
Famiglia Canidae
Sottofamiglia Caninae
Genere Eucyon

L'eucione (gen. Eucyon) è un canide estinto, vissuto tra il Miocene superiore e il Pliocene (tra 10 e 5 milioni di anni fa). I suoi resti fossili sono stati ritrovati in Nordamerica, Asia, Europa e Africa. È considerato il diretto antenato del genere Canis.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Questo canide era molto simile, come forma e dimensioni, a uno sciacallo attuale. Il peso doveva aggirarsi intorno ai 15 chilogrammi, l'altezza al garrese non superava i 40 centimetri e il cranio, generalmente, non superava i 20 centimetri di lunghezza. Tra le caratteristiche principali che differenziano Eucyon dai canidi precedenti, vi è la presenza di un piccolo sinus frontale, che si trova tra la regione nasale e il cervello (nella parte dorsale del cranio), che si espandeva alla base del processo postorbitale. Questo tratto sarà mantenuto (e si svilupperà ulteriormente) nei discendenti di Eucyon.

Classificazione[modifica | modifica sorgente]

Questo canide è considerato il primo rappresentante della tribù dei Canini, comprendente i rappresentanti dei generi Canis (lupi, sciacalli, coyote), Lycaon e Cuon. Eucyon possedeva un sinus frontale simile a quello dei canidi sudamericani (Cerdocyonina) e non ancora espanso come quello dei rappresentanti del genere Canis.

Il genere Eucyon è stato descritto per la prima volta da Tedford e Qiu nel 1996; gli studiosi descrissero questo nuovo genere per accogliere alcune forme fossili di canidi del Miocene superiore nordamericano e del Pliocene della Cina. Successivamente a questo genere sono state ascritte altre specie enigmatiche, attribuite precedentemente al genere Canis (come "Canis" cipio della Spagna). Rispetto agli altri membri dei canini, Eucyon era sprovvisto di una cresta che univa ipoconide e entoconide del talonide del primo molare inferiore.

Specie[modifica | modifica sorgente]

Le prime specie di Eucyon apparvero nel Miocene superiore in Nordamerica: E. davisi, descritto originariamente da Merriam nel 1911, era una forma dall'ampia diffusione, vissuta in gran parte degli Stati Uniti e in alcune regioni dell'Asia (Cina, Mongolia, Kazakhstan). Questa specie, di medie dimensioni, si estinse alla fine del Miocene in Nordamerica ma prosperò in Asia fino all'inizio del Pliocene.

La specie più nota di Eucyon vissuta in Asia è E. zhoui (Pliocene inferiore - medio), di taglia maggiore rispetto alla precedente e dotata di alcune caratteristiche craniche più evolute. Un'altra specie cinese, E. minor, visse nel Pliocene superiore. E. marinae (Spassov e Rook, 2007), della Mongolia, visse nel tardo Pliocene e possedeva mandibole particolarmente snelle.

Dall'Asia, nel corso del Miocene superiore, Eucyon si spostò verso l'Europa: E. cipio (Crusafont Pairò, 1950) è una specie nota esclusivamente in Spagna nel Miocene superiore, mentre E. monticinensis (Rook, 1992) è noto negli ultimi strati del Miocene superiore in Italia (presso Brisighella) e in Spagna. Altre specie europee sono E. odessanus (Pliocene inferiore dell'Ucraina) ed E. adoxus (Pliocene inferiore della Francia).

Alla fine del Miocene superiore Eucyon migrò anche in Africa: E. intrepidus è noto in Kenya, mentre nel Pliocene è conosciuto E. wokari dell'Etiopia e altri fossili provengono dal Pliocene superiore del Marocco.

Alcune specie di Eucyon, come E. zhoui ed E. wokari, potrebbero essere più strettamente imparentate con il genere Canis che con le altre specie di Eucyon.

Paleobiologia[modifica | modifica sorgente]

La presenza di sinus frontali in Eucyon suggerisce che questi animali possedessero turbinati espansi, che nei canidi attuali sono associati a un'accresciuta azione respiratoria e a un miglioramento del sistema olfattivo. I maxilloturbinati complessi sono stati una chiave nel successo evolutivo dei canidi in condizioni climatiche fredde e aride (Wang e Tedford, 2008).

Questi tratti anatomici potrebbero essere anche usati come indicatori di un possibile comportamento: attualmente la caccia in branco nei canidi è in gran parte appannaggio del gruppo dei canini (Canis, Lycaon e Cuon) e probabilmente iniziò a svilupparsi nei primi membri del gruppo. Eucyon, con i suoi turbinati espansi, fu probabilmente uno dei primi membri di questo gruppo a sviluppare il sistema olfattivo come una capacità per sviluppare un comportamento sociale (caccia di gruppo).

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • BARRY J. C. 1987. — Larger Carnivores (Canidae, Hyaenidae, Felidae) from Laetoli, in LEAKEY M. D. & HARRIS J. M. (eds), Laetoli: a Pliocene Site in Tanzania. Clarendon Press, Oxford: 235-258.
  • CRUSAFONT PAIRÓ M. 1950. — El primer representante del género Canis en el Pontiense Eurasiatico (Canis cipio nova sp). Boletin de la Real Sociedad Española de Historia Natural, Madrid, 48: 43-56.
  • GARCÍA N. 2008. — New Eucyon remains from the Pliocene Aramis Member (Sagantole Formation), Middle Awash Valley (Ethiopia). Comptes rendus Palevol 7: 583-590
  • HOWELL F. C. & GARCÍA N. 2007. — Carnivora (Mammalia) from Lemudong’o (late Miocene: Narok District, Kenya). Kirtlandia 46: 121-139.
  • KOSTOPOULOS D. & SEN S. 1999. — Late Pliocene (Villafranchian) mammals from Sirakol Tepe, Ankara, Turkey. Mitteilungen der Bayerischen Staatssammlung für Paläontologie und historische Geologie 39: 165-202.
  • KOUFOS G. D. 1997. — Th e canids Eucyon and Nyctereutes from the Ruscinian of Macedonia, Greece. Paleontologia i Evolució 30-31: 39-48.
  • MERRIAM J. C. 1911. — Tertiary mammal beds of Virgin Valley and Th ousand Creek in North-western Nevada. Part II: vertebrate faunas. University of California Publications in Geology 11: 199-304.
  • ODINTZOV I. A. 1967. — New species of Pliocene Carnivora, Vulpes odessana sp. nov. from the Karst Cave of Odessa. Paleontologicheskyi Sbornik, L’vov University, 4: 130-137 (in Russian).
  • PONS MOYÁ J. & CRUSAFONT PAIRÓ M. 1978. — El Canis cipio Crusafont (1950), comparacion con los canidos del Plioceno y Pleistoceno europeo. Acta Geologica Hispanica 13:133-136.
  • QIU Z. 2003. — Dispersals of Neogene carnivorans between Asia and North America. Bulletin of the American Museum of Natural History 279: 18-31.
  • ROOK L. 1992. — “Canis” monticinensis sp. nov., a new Canidae (Carnivora, Mammalia) from the late Messinian of Italy. Bollettino della Società Paleontologica Italiana 31: 151-156.
  • ROOK L. 1993. — I cani dell’Eurasia dal Miocene Superiore al Pleistocene Medio. Ph.D. Dissertation, Modena, Bologna, Firenze and Roma “La Sapienza” Universities, Italy, 153 p., 29 plates.
  • ROOK L. 2009. — The wide ranging genus Eucyon Tedford & Qiu, 1996 (Mammalia, Carnivora, Canidae, Canini) in the Mio-Pliocene of the Old World. Geodiversitas 31 (4) : 723-741.
  • SPASSOV N. & ROOK L. 2006. — Eucyon marinae sp. nov. (Mammalia, Carnivora), a new canid species from the Pliocene of Mongolia, with a review of forms referable to the genus. Rivista Italiana di Paleontologia e Stratigrafia 112: 123-133.
  • TEDFORD R. H. & QIU Z. 1996. — A new canid genus from the Pliocene of Yushe, Shanxi Province. Vertebrata PalAsiatica 34: 27-40.
  • TEDFORD R. H., WANG X. & TAYLOR B. E. 2009. — Phylogenetic systematics of the North American fossil Caninae (Carnivora: Canidae). Bulletin of the American Museum of Natural History 325: 1-218.
  • WANG X. & TEDFORD R. H. 2008. — Dogs, their fossil relatives and evolutionary history. Columbia University Press: 1-219.