Energia nucleare in Pakistan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mappa di localizzazione: Pakistan
Centrali elettronucleari in Pakistan.
Red pog.svg In funzione
Green pog.svg In costruzione
Blue pog.svg Future
Orange pog.svg In arresto a lungo termine
Purple pog.svg Chiuse
Black pog.svg Cancellate

Nel 2011 l'energia nucleare in Pakistan ha generato l'3,8% dell'energia elettrica prodotta in totale nel Paese[1].

A giugno 2011, sono presenti in questa nazione 2 centrali elettronucleari in funzione che dispongono complessivamente di 3 reattori operativi ed 1 in costruzione.

Non vi sono centrali elettronucleari chiuse.

Storia[modifica | modifica sorgente]

In Pakistan l'energia nucleare contribuisce per una piccola porzione del fabbisogno nazionale elettrico, l'ente regolatore e di ricerca di tutta la filiera nucleare è la Pakistan Atomic Energy Commission (PAEC). Il primo reattore della nazione è stato quello della centrale di Kanupp, vicino a Karachi, ora sotto controlli di sicurezza internazionali. Questo è un reattore di tipologia CANDU, attualmente depotenziato a 125 MW, che è in funzione dal 1971. La seconda unità della nazione è quella di Chasnupp, un reattore cinese fornito dalla CNNC da 300 MW. L'impianto è stato costruito dalla cinese SNERDI basandosi sul reattore 1 di Qinshan; è in costruzione un reattore gemello nello stesso impianto, finanziato congiuntamente dalla Cina e dal Pakistan. Il combustibile per i reattori PWR è importato dalla Cina.[2]

Nel giugno 2008 il governo ha annunciato i piani per costruire unità 3 e 4 a Chasnupp, ognuno da 300 MWe ed in gran parte finanziati dalla Cina, con un ulteriore accordo di cooperazione firmato nell'ottobre 2008. Il costo totale stimato è di 1,7 miliardi$ mentre l'inizio dei lavori doveva avvenire nel 2009. Nel marzo 2009 lo SNERDI ha annunciato che stava procedendo con la progettazione dei due reattori con la China Zhongyuan Engineering come contraente principale. Nell'aprile 2009 e nel marzo 2010 il governo pakistano ha approvato il progetto ed i finanziamenti con la Cina Zhongyuan Ingegneria come contraente generale. Una relazione 2009 aprile dal governo ha detto che aveva approvato il progetto per un costo di 2,37 miliardi$, ed i finanziamenti cinesi agevolati che dovrebbero coprire l'82% delle spese totali. Nell'aprile 2010 la potenza di ciascun reattore è stata portata a 650MW. Esistono però dei problemi per la fornitura di tecnologia nucleare al Pakistan, in quanto è in vigore un embargo sulla fornitura di attrezzature e tecnologie dal 2004, si stanno valutando delle "clausole di partenariato" per poter iniziare i commerci[2]

Programma nucleare militare[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Programma nucleare militare pakistano.

Programma nucleare futuro[modifica | modifica sorgente]

Nel 2005 è stato varato un piano di incremento della potenza installata, per passare dai 20GW di potenza del 2006 ai 160GW previsti per il 2030, di questi sono previsti 8.8GW da fonte nucleare. I piani prevedono la costruzione di altre quattro unità da 300MW cinesi gemelli ai due precedenti e sette reattori da 1000MW. In un primo momento i reattori designati erano i CNP1000 cinesi, in seguito il Pakistan ha deciso di optare per unità più piccole ma con un contenuto di tecnologia locale più elevato.[2]

Reattori di ricerca[modifica | modifica sorgente]

Il Pakistan possiede un reattore da 10MW (il Parr-1) presso il Pakistan Institute of Technology.[2]

Sono presenti altri reattori di ricerca, soprattutto di tipologia PHWR per la produzione di plutonio weapons-grade (cioè contenente almeno il 90% di isotopo 239[3]). questi sono situati a Khushab: un reattore da 50MWt è operativo dal 1998, un secondo più grande è in funzione dal 2009 mentre un terzo è in costruzione dal 2006.[2]

Gestione dei rifiuti e depositi geologici[modifica | modifica sorgente]

La PAEC ha il compito di gestire tutto i rifiuti radiologici della nazione, è poi in discussione la creazione di un fondo per la gestione delle scorie radioattive di Chasnupp e Kanupp. Il combustibile esausto è attualmente conservato presso le piscine dei reattori, mentre una sistemazione in cask a secco è stato proposto, come è stato proposto il ritrattamento del combustibile nucleare. Un deposito nazionale per i rifiuti di basso e medio livello dovrebbe essere costruito entro il 2015, in un sito ancora da decidere.[2]

Produzione di uranio[modifica | modifica sorgente]

Il Pakistan è un paese produttore di uranio, soprattutto per le necessità nazionali. Secondo il "Red Book" del 2007 il paese ha riserve note di Uranio ma non stimate. La produzione annuale è di circa 40t annue e la produzione storica al 2006 è di 1079t totali[4]

L'industria mineraria pakistana ha l'obiettivo di raggiungere le 350t di minerale estratto all'anno nel 2015, miniere a basso grado sono conosciute nel Punjab centrale.[2]

Centrali elettronucleari[modifica | modifica sorgente]

Tutti i dati della tabella sono aggiornati a febbraio 2012

Reattori operativi[5]
Centrale Potenza netta
(MW)
Tipologia Inizio costruzione Allacciamento alla rete Produzione commerciale Dismissione
(prevista)
Chasnupp
(Reattori 1 e 2)
2x300 CNP300 1º agosto 1993
28 dicembre 2005
13 giugno 2000
14 marzo 2011
15 settembre 2000
18 maggio 2011
Kanupp (Reattore 1) 125 CANDU 1º agosto 1966 18 ottobre 1971 7 dicembre 1972
Totale: 3 reattori per complessivi 725 MW
Reattori in costruzione[5][2]
Centrale Potenza netta
(MW)
Tipologia Inizio costruzione Allacciamento alla rete
(prevista)
Produzione commerciale
(prevista)
Costo
(stimato)
Chasnupp
(Reattori 3 e 4)
2x315 CNP300 29 maggio 2011
18 dicembre 2011
2016
2016
2016
2016
Totale: 2 reattori per complessivi 630 MW
Reattori pianificati ed in fase di proposta[2]
Totale programmati: 0 reattori per complessivi 0 MW
Totale proposti: 2 reattori per 2.000 MW
Reattori dismessi[5]
Nessuno
NOTE:
  • La normativa in vigore prevede la possibilità di sostituzione e/o aumento del parco reattori al termine del ciclo vitale degli impianti ancora in funzione.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) IAEA - PRIS database - Nuclear Power Plant Information - Nuclear Share in Electricity Generation.
  2. ^ a b c d e f g h i WNA - Nuclear Power in Pakistan Pagina aggiornata alla versione di Maggio 2010
  3. ^ ISIS Technical Assessment: Pakistan's Stock of Weapon-Grade Uranium
  4. ^ (EN) Uranium 2007: Resources, Production and Demand
  5. ^ a b c AIEA: Nuclear Power Reactors in Pakistan

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]