Emballonura alecto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Emballonura alecto
Immagine di Emballonura alecto mancante
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Superordine Laurasiatheria
Ordine Chiroptera
Sottordine Microchiroptera
Famiglia Emballonuridae
Sottofamiglia Emballonurinae
Genere Emballonura
Specie E.alecto
Nomenclatura binomiale
Emballonura alecto
Eydoux & Gervais, 1836
Sinonimi

E.discolor

Emballonura alecto (Eydoux & Gervais, 1836) è un pipistrello della famiglia degli Emballonuridi diffuso nell'Ecozona orientale.[1][2]

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Dimensioni[modifica | modifica sorgente]

Pipistrello di piccole dimensioni, con la lunghezza della testa e del corpo tra 46,3 e 48,5 mm, la lunghezza dell'avambraccio tra 44 e 49 mm, la lunghezza della coda tra 9 e 17,4 mm, la lunghezza del piede tra 6 e 8 mm, la lunghezza delle orecchie tra 13 e 15 mm e un peso fino a 8 g.[3]

Aspetto[modifica | modifica sorgente]

Il colore generale del corpo è marrone scuro o bruno-rossastro. Il muso è appuntito, con il labbro superiore che si estende leggermente oltre quello inferiore, le narici sono ravvicinate e si aprono frontalmente. Gli occhi sono molto piccoli. Le orecchie sono corte, separate tra loro, triangolari, rivolte posteriormente e con una concavità sul bordo esterno appena sotto la punta. Il trago è corto e con l'estremità arrotondata. La coda è lunga e fuoriesce dall'uropatagio a circa metà della sua lunghezza. Il calcar è lungo

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Comportamento[modifica | modifica sorgente]

Si rifugia nelle grotte, sotto ammassi, fenditure e sporgenze rocciose e in gallerie costruite dall'uomo. Nelle grotte preferisce le zone di penombra.

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

Si nutre di insetti.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Questa specie è diffusa nell'Ecozona orientale, dalle Filippine al Borneo, Sulawesi, Isole Molucche ed alcune isole vicine.

Vive nelle foreste secondarie e in aree agricole fino a 1.000 metri di altitudine.

Tassonomia[modifica | modifica sorgente]

Sono state riconosciute 4 sottospecie:

Stato di conservazione[modifica | modifica sorgente]

La IUCN Red List, considerato il vasto areale e la popolazione presumibilmente numerosa, nonostante una parte di essa sia in declino a causa della deforestazione, classifica E.alecto come specie a rischio minimo (LC).[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c (EN) Csorba, G., Bumrungsri, S., Francis, C., Bates, P., Helgen, K., Gumal, M., Heaney, L., Balete, D., Suyanto, A. & Maryanto, I. 2008, Emballonura alecto in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.1, IUCN, 2014.
  2. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Emballonura alecto in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.
  3. ^ Flannery, 1995, op. cit.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi