Elvira 2: The Jaws of Cerberus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Elvira 2: The Jaws of Cerberus
Elvira - The game 2.jpg
Sviluppo Horrorsoft
Pubblicazione Accolade
Data di pubblicazione 1992
Genere Videogioco di ruolo
Tema Horror
Modalità di gioco Singolo giocatore
Piattaforma Amiga, Atari ST, Commodore 64, MS-DOS
Supporto 7 floppy disk
Periferiche di input Mouse, tastiera

Elvira II: The Jaws of Cerberus è il secondo capitolo nella serie di videogiochi di ruolo horror ispirati al personaggio di Elvira (interpretata da Cassandra Peterson. È stato prodotto dalla Horrorsoft e pubblicato dalla Accolade nel 1992. Il gioco è il sequel di Elvira: Mistress of the Dark.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Personaggio principale della vicenda è il fidanzato di Elvira, la cui missione è salvare Elvira, catturata dal demone Cerberus che vuole utilizzare il suo potere magico per i propri scopi. Il giocatore cerca Elvira sul set di un film dell'orrore dove gli oggetti di scena e i set si sono trasformati in mostruosità reali, apparentemente per via del fatto che gli studios sono stati costruiti su un terreno maledetto.

Gameplay[modifica | modifica wikitesto]

Il gameplay in Elvira II utilizza una prospettiva in prima persona. Il giocatore può muoversi avanti ed indietro, girare a destra, a sinistra o voltarsi semplicemente cliccando sulle frecce direzionali che si trovano sulla parte bassa dello schermo. Pur non essendo in 3d, il gioco simula la visuale del giocatore utilizzando una grande quantità di immagini in 2D in cui vengono mostrate stanze e corridoi da diverse angolazioni. È però impossibile poter guardare di lato.

Delle quattro aree del gioco (lo studio cinematografico principale ed i tre set), due di esse (lo studio principale e lo studio 2, la casa stregata) hanno maggiori elementi di avventura, concentrandosi nella raccolta di vari oggetti utili e nella risoluzione di puzzle, mentre gli altri due ambienti (lo studio 1 e 3, caverna e labirinto) seguono lo stile dei classici giochi labirintici.

Il sistema di utilizzo della magia permetteva al giocatore di lanciare incantesimi utilizzando gli oggetti raccolti negli studi. Il libro degli incantesimi serviva a sapere quali oggetti erano necessari per creare un particolare tipo di incantesimo.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di videogiochi