Elling (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Elling
Titolo originale Elling
Lingua originale norvegese
Paese di produzione Norvegia
Anno 2001
Durata 89 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 1,85 : 1
Genere drammatico
Regia Petter Næss
Soggetto Ingvar Ambjørnsen (romanzo "Brødre i blodet")
Sceneggiatura Axel Hellstenius
Produttore Dag Alveberg
Casa di produzione Maipo Film- og TV Produksjon, TNT Film Productions
Distribuzione (Italia) Italian International Film
Fotografia Svein Krøvel
Montaggio Inge-Lise Langfeldt
Musiche Lars Lillo-Stenberg
Scenografia Jan Sundberg. Harald Egede-Nissen
Costumi Aslaug Konradsdottir
Trucco Cecilie Greve
Interpreti e personaggi

Elling è un film del 2001 diretto da Petter Næss.

Il film ha ricevuto la nomination all'Oscar come migliore film straniero nel 2002, battuto poi dal film No Man's Land. Girato quasi interamente ad Oslo, prende ispirazione da molti romanzi, ma principalmente dal romanzo Brødre i Blodet di Ingvar Ambjørnsen.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Elling è un uomo di 40 anni che ha vissuto l'intera sua vita solo e soltanto con sua madre. Dopo la sua morte viene portato via dalla sua casa e messo in una casa di cura. In quest'ultima tentano di guarirlo da tutte le sue fobie e proprio qui conosce Kjell Bjarne, un uomo molto semplice ossessionato dalle donne e dal sesso. Dopo essere stati 2 anni chiusi nella struttura sanitaria di reinserimento, il governo norvegese decide che è il momento che vengano reintrodotti nel mondo civile e affittano un appartamento per i due amici ad Oslo. I due vengono inoltre messi sotto la custodia dell'assistente sociale Frank Åsli, persona dai metodi molto rozzi, ma efficaci. I due d'ora in poi dovranno vedersela da soli con la vita reale e tentare di superare insieme tutte le loro paure. All'inizio entrambi fanno fatica persino ad uscire di casa, ma lentamente riescono ad integrasi col mondo esterno. Un giorno, però, Kjell Bjarne conosce una donna e se ne innamora. Questo porta ad un inasprimento dei rapporti tra i due che cominciano a litigare, perché Elling ha paura di perdere il suo unico amico. Solo con l'incontro con Alfons, un anziano rimasto completamente solo (che si scoprirà essere un poeta), Elling ritrova un po' di felicità. Ma saranno le poesie, che comincerà a comporre, che lo renderanno sempre più felice. Per far conoscere a tutti le sue poesie, Elling le scrive su dei fogli che poi attacca all'interno delle confezioni di crauti e le lascia sugli scaffali dei supermercati. Si firma soltanto con lo pseudonimo di E., perché non vuole che nessuno sappia chi è e anche quando l'amico poeta gli dice che ha del talento, lui non cercherà il successo ma rimarrà sempre uno "scrittore underground".

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema