Don Paperino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Don Paperino
Paperino - intro.jpg
La title card di Paperino, utilizzata per la prima volta nel film.
Titolo originale Don Donald
Lingua originale inglese
Paese di produzione USA
Anno 1937
Durata 8 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 1,37:1
Genere animazione / commedia
Regia Ben Sharpsteen
Sceneggiatura Merrill De Maris, Otto Englander, Webb Smith
Produttore Walt Disney
Casa di produzione Walt Disney Productions
Distribuzione (Italia) Buena Vista Distribution
Animatori Johnny Cannon, Al Eugster, Jack Hannah, Milt Schaffer, Fred Spencer
Musiche Paul J. Smith
Doppiatori originali

Clarence Nash: Paperino, Donna Duck

Doppiatori italiani

Doppiaggio originale

Ridoppiaggio (1997)

Don Paperino (Don Donald) è un film del 1937 diretto da Ben Sharpsteen. È il primo cortometraggio animato della serie Donald Duck, prodotto dalla Walt Disney Productions e uscito negli Stati Uniti il 9 gennaio 1937, distribuito dalla United Artists. Il cartone animato segue Paperino mentre tenta di corteggiare un'anatra messicana di nome Donna. Il film è caratterizzato dalla musica di Paul J. Smith, adattata dalle canzoni popolari messicane "Cielito lindo" e "Jarabe Tapatìo".

Sebbene all'epoca fosse stato pubblicizzato come un altro cortometraggio della serie Mickey Mouse, il film è in realtà il primo corto della serie Donald Duck, ed è il primo a presentare Paperino come protagonista.[1] Il film introduce anche un interesse amoroso per Paperino.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Paperino cavalca il suo asino attraverso il deserto messicano, suonando una chitarra e indossando un sombrero, per andare a trovare la sua fidanzata, Donna Duck. Dopo un breve flirt con Paperino, Donna balla "Jarabe Tapatìo" e alla fine atterra sull'asino di Paperino, che la disarciona. Paperino si mette a ridere, facendo arrabbiare Donna. Lei schiaffeggia Paperino, lo fa cadere in una fontana, gli rompe la chitarra in testa e torna in casa infuriata.

All'esterno, l'asino si prende gioco della sfortuna di Paperino, il che lo fa impazzire. Così Paperino decide di scambiare l'asino per una macchina nuova ad un posto di scambio (l'asino era responsabile per la situazione di Paperino).

Nel frattempo, nella casa, Donna sta distruggendo un ritratto di lei e Paperino. Ma poi sente un clacson, e dopo aver visto la nuova auto di Paperino, lei viene immediatamente riconquistata. Atterra nel sedile posteriore e dà a Paperino un grosso bacio. Insieme sfrecciano fuori attraverso il deserto, ma alla fine la macchina ha problemi al motore e smette di funzionare. Paperino cerca fiduciosamente di risolvere il problema (anche cercando letteralmente di soffocarla), ma la macchina reagisce in modo eccessivo, getta fuori Paperino e accelera senza di lui. Il sedile posteriore si chiude su Donna e lei viene intrappolata dentro. Paerino insegue l'auto, ma viene investito due volte. Infine, l'auto si schianta su una roccia e si rompe, gettando Donna fuori dal sedile, attraverso una pozza d'acqua e in una pozza di fango. Ancora una volta, Paperino ride di questo e Donna si vendica colpendolo con il clacson della vettura, e poi se ne va con il suo monociclo che aveva opportunamente portato con sé nella borsa.

Paperino viene lasciato solo nel deserto con l'asino che era scappato dalla stazione commerciale. Arrabbiato con la sua nuova auto, Paperino le lancia contro il clacson, ma il radiatore esplode e l'acqua calda atterra sul suo sombrero, ripicciolendolo. L'asino ride istericamente.

Donna Duck[modifica | modifica sorgente]

Non è chiaro se Donna Duck rappresenti semplicemente una versione precedente di Paperina o sia un personaggio del tutto separato. Donna è ufficialmente riconosciuta come Paperina dall'Internet Movie Database[2] e dal Big Cartoon DataBase.[3] Tuttavia Donna venne in seguito riutilizzata in una striscia a fumetti del 1951 come rivale di Paperina.

Donna fece diverse apparizioni nella rivista inglese Mickey Mouse Weekly,[4] ma non apparve in nessun altro film.

Storie a fumetti[modifica | modifica sorgente]

Nel 1995 Fabio Michelini e Massimo De Vita realizzarono una storia a fumetti per Topolino intitolata Paperino e il segreto della 313; in essa, alcune scene di questo cortometraggio vengono reinterpretate per spiegare l'origine della leggendaria automobile di Paperino.

Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

Edizione italiana[modifica | modifica sorgente]

Attualmente esistono due doppiaggi italiani del film, entrambi con gli stessi doppiatori. Il primo, eseguito nei primi anni '90 e trasmesso su Rai 2, è riconoscibile dal fatto che Donna chiama Paperino "Don Paperino". Nel ridoppiaggio del 1997 (utilizzato nel DVD), invece, Donna lo chiama semplicemente "Paperino", e inoltre i dialoghi di Luca Eliani sono più comprensibili.

Edizioni home video[modifica | modifica sorgente]

DVD[modifica | modifica sorgente]

Il cortometraggio è incluso nel DVD Walt Disney Treasures: Semplicemente Paperino - Vol. 1.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Paperino era apparso precedentemente in 14 film come co-protagonista.
  2. ^ Daisy Duck at the Internet Movie Database
  3. ^ Don Donald at the Big Cartoon DataBase
  4. ^ Daisy's First Incarnation as Donna in Mickey Mouse Weekly on Disneyville.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]