Dolomiti lucane

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Piccole Dolomiti lucane
Dolomiti Lucane - Monti della Maddalena (Potenza).PNG
Piccole Dolomiti lucane
Stato Italia Italia
Regione Basilicata Basilicata
Provincia Potenza Potenza
Altezza Monte Caperrino 1.455 m s.l.m.
Catena Appennino lucano
Coordinate 40°31′16.54″N 16°03′37.94″E / 40.52126°N 16.06054°E40.52126; 16.06054Coordinate: 40°31′16.54″N 16°03′37.94″E / 40.52126°N 16.06054°E40.52126; 16.06054
Altri nomi e significati Piccole Dolomiti lucane
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Piccole Dolomiti lucane

Situate nell'Appennino lucano, ad est della più imponente dorsale Pierfaone-Volturino-Viggiano, le Piccole Dolomiti lucane costituiscono il cuore dell'omonimo Parco naturale regionale (che si estende alle foreste di Gallipoli-Cognato).

Sono denominate Dolomiti a ragione della somiglianza morfologica con le più famose montagne trivenete.

La nascita del gruppo montuoso, che domina la parte centrale della val Basento, risale a 15 milioni di anni fa.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Formate da cime scoscese modellate dall'azione millenaria degli agenti atmosferici, presentano guglie acuminate con un’altitudine media che si aggira intorno ai 1.000, 1.100 m s.l.m..

Il punto più alto è quello della Costa di S. Martino, denominata Piccole Dolomiti, a ragione della somiglianza con le più famose Pale venete e trentine.

Altre cime rilevanti sono l'Incudine, la Grande Madre e l’Aquila Reale. Da menzionare, inoltre, i picchi delle Murge di Castelmezzano e quelli del monte Carrozze.

Flora e fauna[modifica | modifica sorgente]

Il territorio presenta un’alternanza di boschi di querce e picchi brulli e rocciosi sui quali, tuttavia, prospera una flora rara e interessante con specie vegetali peculiari come la valeriana rossa, la lunaria annua e l'onosma lucana.

La fauna, oltre ai cinghiali (numerosissimi), presenta una notevole varietà di volatili: nibbio reale, rondone, gheppio, corvo reale e falco pellegrino.

Clima[modifica | modifica sorgente]

Anche a causa della lontananza dai mari, il clima è quello caratteristico della media montagna appenninica: inverni rigidi, con una prolungata presenza della neve al suolo (fino a due, tre mesi), ed estati fresche e ventilate.

Le precipitazioni si aggirano intorno ai 1.000 mm annui.

Comuni[modifica | modifica sorgente]

Galleria immagini[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]