Dina Barberini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dina Barberini

Dina Barberini (Tabiano Terme, 17 marzo 1862Milano, 26 dicembre 1932) è stata un soprano italiano.

Giuseppe Verdi, durante un soggiorno nella città termale la sentì cantare nell'oratorio dell'Albergo Grande e le consigliò di studiare canto; dopo un corso gratuito di canto corale a Parma, si iscrisse al Conservatorio di Milano nella classe della grande Teresa Brambilla. Debuttò a diciotto anni nel Faust a Novara, e da qui iniziò una fulgida carriera che la portò nei teatri di tutto il mondo (Milano, Torino, Genova, Roma, Lisbona, Madrid, Barcellona, Oporto, Malta, Vienna, Praga, San Pietroburgo, Mosca.). Mahler la volle al Teatro Imperiale di Odessa. Zaic a Zagabria. Boito la diresse nel suo Mefistofele, come pure Toscanini e altri. Verdi ebbe a dire "così si canta solo in Paradiso". Unanime e sempre stupenda la critica del mondo. Cantò col grande tenore Tamagno.

Terminò la sua carriera a Montecarlo. Fu poi maestra di canto nella sua casa a Milano, dove morì il 26 dicembre 1932.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Giovanni Tongini Folli - Dina Barberini: 1862-1932: gloria del melodramma italiano. Milano, Mediolanum, 2006 (Prefazione di Quirino Principe). Volume consultabile presso le biblioteche di Milano, Parma, Fidenza, Salsomaggore Terme.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie