Dien Bien Phu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Dien Bien Phu
distretto
Điện Biên Phủ
Dati amministrativi
Stato Vietnam Vietnam
Regione Tay Bac
Provincia Dien Bien
Territorio
Coordinate 21°23′N 103°01′E / 21.383333°N 103.016667°E21.383333; 103.016667 (Dien Bien Phu)Coordinate: 21°23′N 103°01′E / 21.383333°N 103.016667°E21.383333; 103.016667 (Dien Bien Phu)
Abitanti 125 000
Altre informazioni
Fuso orario UTC+7
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Vietnam
Dien Bien Phu

Dien Bien Phu (vietnamita:Điện Biên Phủ, ideogrammi: 奠邊府) è una città nel nord-ovest del Viet Nam. È il capoluogo della provincia di Dien Bien, ed è conosciuta per gli eventi accaduti durante la Guerra d'Indocina, conosciuti come Battaglia di Dien Bien Phu, durante la quale la regione fu un importante granaio dei Viet Minh.

Popolazione[modifica | modifica sorgente]

Le statistiche sulla popolazione di Dien Bien Phu sono varie ma sono generalmente comprese tra i 70 000 e i 125 000 abitanti. La città si sviluppa velocemente, e si pensa che nel 2020 avrà 150 000 abitanti.[1] La maggior parte della popolazione non è di etnia vietnamita, bensì Tai. La componente vietnamita rappresenta circa un terzo della popolazione, il resto è costituito da Hmong, Si La o altri gruppi etnici.

Geografia[modifica | modifica sorgente]

Dien Bien Phu è situata nella valle Muong Thanh, lunga 20 km e larga 6. È sul confine ovest della provincia di Dien Bien, di cui è la capitale, ed è molto vicina al confine laotiano. Prima della creazione della provincia, avvenuta nel 2004, faceva parte della provincia di Lai Chau.

Il governo vietnamita elevò Dien Bien Phu allo stato di cittadina nel 1992 e a quello di città nel 2003.

Conflitti militari passati[modifica | modifica sorgente]

Operazione Castor (1953)[modifica | modifica sorgente]

Negli anni cinquanta la città non era solamente conosciuta per il pur famoso traffico d'oppio, che generava 500 000 000 di Franchi all'anno, ma soprattutto per la feroce battaglia che causò il riassetto della geopolitica mondiale. Questa era anche un'importante fonte di riso per i Viet Minh.[2]

Questa regione fu fortificata nel novembre del 1953 dall'Unione Francese nel corso della più grande operazione aerea della Guerra d'Indocina, l'Operation Castor, effettuata per bloccare i Viet Minh e tagliare i loro rifornimenti.

Assedio di Dien Bien Phu (1954)[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Battaglia di Dien Bien Phu.

L'anno seguente, l'importante Battaglia di Dien Bien Phu fu combattuta tra i Viet Minh (comandati da Vo Nguyen Giap e armati dalla Cina) e l'Unione Francese (comandata dal generale Henri Navarre, successore del generale Raoul Salan). L'assedio della piazzaforte francese durò cinquantasette giorni, dalle 17:30 del 13 marzo alle 17:30 del 7 maggio 1954. L'avamposto meridionale del campo, Isabelle, non seguì l'ordine di cessate il fuoco e combatté fino alle 1:00 del giorno successivo; poche ore prima la lunga conferenza di Ginevra sull'Indocina aveva coinvolto Stati Uniti, Regno Unito, Unione Francese e Unione Sovietica.

La battaglia non fu solo significativa per la valle di Dien Bien Phu. La vittoria di Vo Nguyen Giap pose termine al maggiore concentramento di forze francese in Indocina e portò agli accordi che divisero la nazione in Vietnam del Nord e Vietnam del Sud. Questa divisione fu poi alla base della Guerra del Vietnam. La battaglia di Dien Bien Phu è descritta dagli storici come: "la prima volta che un movimento coloniale di indipendenza non europeo evolse dalle tecniche di guerriglia e sconfisse gli occidentali in battaglia aperta".[3]

La paura occidentale di una conquista comunista dell'Asia, chiamata teoria del domino da Dwight D. Eisenhower durante l'assedio di Dien Bien Phu e l'abbandono francese di Viet Nam, Laos e Cambogia fu un fattore determinante dell'intervento americano nel Vietnam del Sud.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ http://www.ncl.ac.uk/unescolandscapes/files/LOGANWilliam.pdf Dien Bien Phu: Development and Conservation in a Vietnamese Cultural Landscape], William Logan, 2005
  2. ^ The Last Valley, Martin Windrow, 2004
  3. ^ Intervento di Martin Windrow e Michael Kenney. "British Historian Takes a Brilliant Look at French Fall in Vietnam". Boston Globe, 4 gennaio 2005.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]